Covid: Abruzzo non aderisce a protesta ristoratori #ioapro

A vigilia iniziativa orientamento prevalente è non aprire

(ANSA) - PESCARA, 14 GEN - Alla vigilia della manifestazione #ioapro organizzata in tutta Italia con un tam tam sui social network, sembra che ristoratori e baristi abruzzesi non aderiranno alla protesta che prevede l'apertura dei locali al pubblico senza attenersi agli orari previsti dal Dpcm in vigore.
    Le associazioni di categoria del settore, che nulla hanno a che fare con l'organizzazione dell'iniziativa, non hanno ricevuto segnalazioni particolari.
    Anche i principali gruppi di ristoratori sottolineano che l'orientamento prevalente è quello di non aderire: "una manifestazione di questo tipo - dicono - espone a rischi e risolverebbe poco". Non è escluso, comunque, che qualcuno decida all'ultimo momento di aderire alla protesta, in modo estemporaneo. Non manifesteranno, si apprende, neppure le attività della zona di piazza Muzii a Pescara, distretto food and beverage più grande d'Abruzzo. Massima attenzione anche da parte delle forze dell'ordine, che stanno monitorando il territorio.
    Intanto alcuni operatori dei locali pescaresi stanno condividendo sui social una grafica contenente l'immagine di un bimbo con un bicchiere di carta e la scritta "Senza l'asporto cosa gli riporto?", per protestare contro il possibile divieto di vendita con asporto dalle ore 18 puntando l'attenzione sull'inevitabile risvolto economico. A Pescara, nei giorni scorsi, soprattutto durante le festività natalizie, nonostante il divieto di consumare cibi e bevande all'aperto dopo le 18, non sono mancati gli aperitivi nelle vie dei locali, con inevitabili assembramenti. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie