Stop comparto sciistico, Uncem Abruzzo, subito ristori

Presidente Berardinetti, montagna paga ancora prezzo troppo alto

(ANSA) - PESCARA, 15 GEN - "Il comparto sciistico e tutto l'indotto non può restare fermo e senza ristori fino al 15 febbraio, bisogna fare presto". E' la posizione del presidente Uncem Abruzzo (Unione nazionale comuni comunità enti montani), Lorenzo Berardinetti, sulla decisione del Governo di far rimanere chiusi gli impianti da sci fino alla metà del mese prossimo. "Il Dpcm appena firmato ha confermato il blocco degli impianti di risalita - continua Berardinetti - sono stati persi fino a oggi milioni di euro e ci sono migliaia di persone ferme in attesa di poter tornare a lavorare. Ancora una volta la montagna è costretta a pagare un prezzo troppo alto. Qualcuno ha chiesto ai gestori delle piste da sci se erano pronti ad adeguarsi alle norme anti-covid per poter riaprire? Qualcuno si è preoccupato di capire se e come queste importanti imprese potranno tornare in attività a metà febbraio solo per poche settimane annullando corsi, gare e appuntamenti annuali?". Il presidente Uncem Abruzzo auspica che "il Governo, anche grazie allo scostamento di bilancio approvato nelle scorse ore, possa tempestivamente elargire i ristori annunciati per questo settore e per tutto l'indotto in profonda difficoltà. Ci sono decine di località montane abruzzesi che si reggono interamente sul turismo sportivo invernale e ora sono ferme, con problemi ingenti per sostenere spese fisse come affitti e bollette.
    Particolare attenzione va ai tanti lavoratori stagionali che in questo momento si trovano senza garanzie". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie