Covid: Cgil-Uil Basilicata, screening oncologico bloccato

"La Regione intervenga al più presto"

(ANSA) - POTENZA, 27 OTT - "Nonostante le nostre reiterate note in merito alla ripresa dell'attività di screening e ai conseguenti impegni assunti dalla Regione Basilicata, a oggi registriamo la perdurante sospensione di fatto delle attività di screening oncologico". Lo scrivono, in una nota congiunta, i segretari regionali di Cgil, Uil, Filcams Cgil e Uiltucs, secondo i quali, "i numeri parlano chiaro: in Basilicata, cinquemila donne in provincia di Potenza e diecimila in quella di Matera attendono ancora lo screening oncologico".
    Angelo Summa, Vincenzo Tortorelli, Michele Sannazzaro e Donato Rosa hanno evidenziato che "non sono state, infatti, ancora emanate le direttive per attivare i presidi sanitari territoriali dei comuni, 49 in tutto, affinché si potesse far ripartire questa importante attività di prevenzione. Chiediamo alla Regione di intervenire al più presto per salvaguardare il diritto alla salute di tutti i lucani". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        ANSAcom

        La salute naturale del bambino di Vitalia Murgia (ANSA)

        Covid: pediatra a genitori, no al panico per la prima febbre

        Se temperatura sale la sera, bimbo resti a casa anche se sfebbra



        Modifica consenso Cookie