Turismo: reti di innovazione per il patrimonio culturale

Napoli, evento Cnr-Iriss per nuovo progetto europeo 'Be.Cultour'

(ANSA) - NAPOLI, 03 MAR - L'incontro di avvio del nuovo progetto di ricerca europeo coordinato dal Cnr-Iriss di Napoli, dal titolo "Be.Cultour: Oltre il turismo culturale: reti di innovazione del patrimonio come motori dell'europeizzazione verso un'economia circolare del turismo incentrata sull'uomo", finanziato dalla Commissione Europea con 4 milioni di euro per i prossimi tre anni, si terrà online domani alle 9.30. Il progetto del Cnr-Iriss con un ampio consorzio di partner europei e non europei è risultato vincitore, si sottolinea, "con il massimo punteggio su ben 86 proposte presentate a marzo 2020".
    "L'obiettivo del progetto è ambizioso: uscire dalla grave crisi che ha colpito il settore turistico attivando un modello 'circolare' e sostenibile di turismo culturale - sottolinea Massimo Clemente, direttore del Cnr-Iriss ed esperto in Urbanistica e valorizzazione del paesaggio -, che permetta di innescare un processo di rigenerazione economica, sociale, culturale e ambientale a partire da 6 territori di sperimentazione europei e non-europei che hanno accettato la sfida - le regioni Basilicata in Italia, Aragon in Spagna, Västra Götaland (Göteborg) in Svezia, Larnaca a Cipro, Vojvodina in Serbia e infine l'area transfrontaliera del nord-est della Romania e della Moldavia".
    Il team del Cnr-Iriss che coordina il progetto è fortemente interdisciplinare: Antonia Gravagnuolo (coordinatrice del progetto Be.Cultour e ricercatrice del Cnr-Iriss) e Alessandra Marasco (ricercatrice Cnr-Iriss). Il coordinamento del progetto è supportato da Luigi Fusco Girard (professore emerito dell'Università di Napoli Federico II e professore associato al Cnr-Iriss) e da Alfonso Morvillo (dirigente di ricerca del Cnr-Iriss ed esperto di economia del turismo, curatore del Rapporto italiano sul turismo annuale).
    Il gruppo di lavoro può contare su Marco Fasciglione (giurista e ricercatore del Cnr specializzato nella protezione internazionale dei diritti umani, la tutela dell'ambiente e la protezione dei migranti).
    La Regione Basilicata, particolarmente coinvolta nell'iniziativa sarà rappresentata dall'Agenzia di Promozione Territoriale (diretta da Antonio Nicoletti) (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie