I ragazzi i protagonisti prima giornata di Più libri più liberi

Grande affluenza già nella prima giornata

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 07 DIC - Giorno dell'inaugurazione per la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria Più libri più liberi, l'incontro culturale più importante della Capitale dedicato esclusivamente all'editoria indipendente, promossa e organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE), nella sede del Roma Convention Center La Nuvola dell'Eur. Altissima l'affluenza, con il pubblico ad affollare le biglietterie sin dalle prime ore del mattino. Migliaia i ragazzi presenti provenienti dalle scuole di tutta Italia.
    L'inaugurazione della manifestazione si è svolta nello Spazio Rai. Il Presidente dell'AIE Ricardo Franco Levi ha sottolineato come «tutti siamo legati a questa bellissima Fiera. Grazie a chi ci ha lavorato, alla squadra, e agli 8000 ragazzi delle scuole che animano questa prima giornata di Piu libri più liberi», per poi concludere dicendo: «È il momento che siano i libri a parlare».
    Di una «grande emozione che si rinnova» ha parlato la Presidente di Più libri più liberi Annamaria Malato: «Il tema di quest'anno è "perdersi e ritrovarsi" e mai come oggi, nel pieno di questa tempesta perfetta della guerra che ci ha travolti, la comunità dei libri ci appare come un faro all'orizzonte. Per "ritrovarci" abbiamo bisogno delle occasioni di riflessione e di confronto che solo la letteratura ci può dare».
    Il Sottosegretario di Stato al Ministero della Cultura Vittorio Sgarbi ha ricordato che «per i giovani scrittori pubblicare è un' avventura che a volte può essere frustrante ma proprio presso i piccoli editori, persone coraggiose che affrontano questo mare in tempesta, un autore può trovare rifugio e conforto. I ragazzi popolano questo mondo che porta con sé il pensiero della libertà. I libri sono una difesa con cui i giovani possono combattere per il proprio futuro».
    Il Sindaco di Roma Capitale Roberto Gualtieri ha dichiarato che è «davvero bello oggi ripartire con una edizione straordinaria di Più libri più liberi. Una Fiera in crescita per importanza, qualità e rilievo internazionale. Piccola e media editoria rappresentano la spina dorsale della nostra industria culturale.
    Tantissime occasioni di dibattiti e confronto sui grandi temi del nostro tempo: un evento che Roma Capitale sostiene completamente».
    Per l'Assessore allo sviluppo economico della Regione Lazio Paolo Orneli Più libri più liberi «è una manifestazione preziosa e partecipata. Se ci si perde ci si può ritrovare a partire dalla cultura. Il nostro sostegno non è occasionale ma parte di una vera e propria politica industriale. Un impegno per consolidare la filiera e mettere il libro al centro di ogni strategia atta a costruire un futuro e un mondo migliori». Roberto Luongo, Direttore ICE - Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, ha voluto rimarcare che «la Fiera si inserisce in una serie più ampia di iniziative tese a crescere ed essere più presenti nell'ambito internazionale».
    «È incredibile il lavoro fatto finora da questa Fiera» ha dichiarato l'Amministratore Delegato di Eur SPA Angela Maria Cossellu, «è un evento culturale che ha permeato la città.
    Grazie alla Nuvola come polo attrattivo avremo più di mezzo milione di visitatori. Il binomio cultura e grandi eventi è un volano per l'immagine di Roma e dell'Eur. Creiamo valore culturale, economico, sociale e pubblico. Mi auguro che possiate perdervi negli angoli della Nuvola e ritrovarvi nei vostri autori».
    Il Presidente Gruppo Piccoli editori AIE, Diego Guida, afferma che «più cresce l'indice di lettura e cultura di un Paese più lo stesso cresce da un punto di vista sociale e di conseguenza economico. In questi 2 anni di pandemia purtroppo abbiamo perso il contatto con il libro e la carta, perciò siamo sì pronti ad accogliere la sfida del digitale ma tenendo sempre fermi la carta e il libro». (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA