Mercedes Classe C, la Baby-Benz dalla storia quarantennale

Esordi e evoluzione della compatta della Stella,debutto nel 1982

Redazione ANSA Roma

 Una storia lunga trentanove anni, un modello che segna un vero e proprio punto di partenza per le vetture premium della Stella. Nel 1982 debuttava la prima Classe C, un esordio che sanciva l'avvio dell'offensiva dei modelli del marchio. Questa strategia ha trasformato Mercedes-Benz da un produttore di alta gamma tradizionale in un marchio di lusso moderno e di ampio respiro.

La storia che precede questa evoluzione, però, inizia già agli albori dell'automobile. Un assoluto bestseller della Stella che prosegue oggi con la nuova generazione. La 'Baby Benz' è diventata adulta e ribadisce la propria leadership di ammiraglia del segmento attraverso importanti innovazioni e una gamma completamente elettrificata e declinata in sei versioni: Business, Sport, Premium, Sport Plus, Premium Plus e Premium Pro.

Con la berlina, la station wagon, la coupé e la cabriolet, Mercedes-Benz Classe C è oggi tanto versatile quanto di successo, ed è completata da EQC completamente elettrico, da GLC e da GLC Coupé. La solida storia di questa famiglia di modelli, inizialmente introdotta sul mercato quasi 40 anni fa come classe compatta, inizia con una piccola rivoluzione: i modelli 190 e 190 E della serie W 201 completano le serie già consolidate del segmento superiore e di lusso (Classe S) e della classe media superiore (in seguito Classe E) con una berlina più compatta e intelligente.

Veicoli con dimensioni compatte e tecnologia all'avanguardia esistono già nella storia di Mercedes-Benz, ben prima della serie W 201. La tradizione di questi progetti e veicoli di serie risale infatti ai primi tempi della storia dell'automobile. Con questi modelli, ingegneri, sviluppatori e designer trasferiscono con successo le loro competenze anche in segmenti inferiori alla classe media superiore, superiore e al segmento di lusso. Alcuni esempi illustrano chiaramente la versatilità di questo sviluppo.

A soli otto anni dall'invenzione dell'automobile, Carl Benz progetta il modello Velo, lanciato sul mercato nel 1894.

Colpisce per la struttura leggera e le misure compatte e diventa il primo veicolo di produzione su larga scala nella storia automobilistica. Nel 1911, in una competizione interna per la realizzazione di un veicolo compatto, Benz & Cie. crea la Benz 8/18 PS. Nello stesso anno, l'allora Daimler-Motoren-Gesellschaft (DMG) presenta la sua Mercedes da 8/18 PS. Negli anni '20, DMG risponde alla crescente domanda di auto a basso prezzo con l'innovativa autovettura a compressore da 6/25 CV. In Daimler-Benz AG, nata nel 1926 dalla fusione con il nuovo marchio Mercedes-Benz, proseguono i lavori su automobili innovative e compatte. Tra i risultati si annoverano la Mercedes-Benz 170 (W 15, 1931), i modelli con motore posteriore 130 (W 23, 1934) e 170 H (W 28, 1936) e la Mercedes-Benz 170 V, di grandissimo successo (W 136, 1936). Dopo la seconda guerra mondiale nascono importanti progetti per autovetture compatte, in particolare la serie W 122 negli anni '50 e le serie W 118 e W 119 negli anni '60. Negli anni '70, viene infine presa la decisione di sviluppare la classe compatta. Nasce così la serie W 201, lanciata nel 1982. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie