Salone Padova da record, oltre 130mila presenze in 4 giorni

Eventi, mostre e tanto successo per le aste delle auto storiche

Redazione ANSA ROMA

Oltre 130.000 visitatori: boom al salone dell'auto e moto d'Epoca di Padova dove, in controtendenza rispetto ai maggiori eventi di settore, si è registrata una quattro giorni da 'tutto esaurito'.

La trentaseiesima edizione della rassegna dedicata al mondo dell'auto storica, organizzata da Intermeeting, ha visto una massiccia presenza di stranieri, tra collezionisti, visitatori e giornalisti accreditati, provenienti da oltre 30 Paesi. Un esempio fra tanti, un gruppo di 15 giornalisti di alcune delle più importanti testate tedesche partito da Monaco in auto per venire a visitare la rassegna per la prima volta. Un evento sempre più intenso e partecipato anche sui social, soprattutto su Instagram, dove il pubblico in questi giorni ha espresso il proprio apprezzamento con migliaia di foto, video e commenti per condividere il modello preferito e l'emozione di esserci. ''In un momento di difficoltà per gli eventi del settore a livello internazionale, Padova cresce - sottolinea l'organizzatore Mario Carlo Baccaglini - Un segnale in controtendenza perché a Padova mettiamo al centro la passione del visitatore, che solo qui può trovare oltre 5.000 auto d'epoca di altissima qualità. I risultati che raccogliamo oggi confermano Auto e Moto d'Epoca come l'evento di riferimento per gli appassionati di tutto il mondo. Altro fenomeno interessante è quello delle Youngtimer, i modelli anni '80 che affascinano i giovani e permettono loro di entrare nel mondo delle auto d'epoca attraverso la porta giusta, quella della passione, che è poi il vero carburante della nostra manifestazione''.

Bilancio positivo per i commercianti italiani ed esteri, che hanno incontrato compratori e collezionisti provenienti da tutte le latitudini: Europa, Canada, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda, Sudafrica e Brasile. Alfa Romeo, Ferrari e Maserati i marchi più rappresentati con diversi debutti eccellenti tra i dealer. Presenti in fiera anche alcuni pezzi della Collezione Righini, la numero 46 tra le più importanti al mondo, che custodisce la prima Ferrari mai costruita. Righini ha inoltre collaborato all'esposizione Le Rosse in abito da corsa, fiore all'occhiello di questa 36° edizione - organizzata da ACI con Auto e Moto d'Epoca - che ha saputo stupire i visitatori con ben 8 modelli di barchetta esposte nel Padiglione 3 - Arena ACI. Grande interesse per l'asta Finarte realizzata in collaborazione con Automotive Masterpieces, che ha totalizzato oltre due milioni e trecentomila euro di vendite totali: tra le vetture 'aggiudicate' dagli appassionati una Romeo 6C 2500 Sport del 1947 nonché un esemplare unico di Fiat-Abarth 750 Spyder (Zagato). Appuntamento previsto con la trentasettesima edizione, dal 22 al 25 ottobre 2020.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA