Rally Italia Talent, ancora aperte le iscrizioni 2020

Edizione targata Aci-Suzuki, vera chance per diventare piloti

Redazione ANSA ROMA

Sono ancora aperte le iscrizioni online in homepage sul sito www.rallyitaliatalent.it per la settima edizione di Aci Rally Italia Talent 2020. La sesta stagione del Gran Fratello dei motori ha fatto registrare il numero record di 9.299 iscritti, tutti desiderosi di mettersi in luce e di guadagnarsi la possibilità di partecipare gratuitamente come piloti o come navigatori a un rally valido per i Campionati o i Trofei titolati ACI Sport. Numeri questi che confermano l'apprezzamento per questo format, creato da Renzo Magnani nel 2014 con lo slogan #rallypertutti per dare a tutti la possibilità di realizzare il sogno di prendere parte a una gara di rally gratuitamente, come Pilota o Navigatore, anche senza alcuna esperienza di gara. Confermata l'importante collaborazione con Suzuki Italia, nella persona del suo Presidente Massimo Nalli che metterà a disposizione degli iscritti 7 affidabili e performanti Suzuki Swift Sport, gommate Toyo, che hanno ottenuto commenti sempre più entusiastici nella sesta edizione, con una massa di soli 975 kg e una potenza di 140 cv, molti dei quali disponibili sin dai regimi più bassi. Strategica la partnership con l'Automobile Club d'Italia nella persona del suo Presidente Angelo Sticchi Damiani, che apre a nuovi scenari che vanno nella direzione di coinvolgere sempre più giovani nello sport automobilistico nazionale ed internazionale, con particolare attenzione all'Educazione per la Sicurezza Stradale. Scopri il Rally che c'è in te. Questo è in due parole Rally Italia Talent, un Format sportivo, dove conta solo ed esclusivamente l'attitudine alla guida sportiva, pensato per offrire a tutti, anche a chi non ha mai corso, l'opportunità di realizzare un sogno: partecipare almeno una volta da pilota o da navigatore ufficiale a un rally. L'obiettivo è individuare nuovi talenti da introdurre nel mondo dell'automobilismo sportivo, per poi accompagnarli nel loro percorso di crescita perché il "sogno" per essere davvero realizzato completamente, dopo il premio iniziale, deve prevedere anche l'opportunità di proseguire con un programma di buon livello in Italia, ma anche e soprattutto all'estero, perché solo così si darà la possibilità a chi merita di dimostrare il proprio talento.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA