Volvo, al via tracciabilità cobalto in utilizzo batterie

Tecnologia blockchain per utilizzo dati su rete fornitura

Redazione ANSA ROMA

Volvo Cars sarà la prima casa automobilistica a implementare un sistema globale che consenta di tracciare il cobalto utilizzato nelle sue batterie per auto grazie alla tecnologia blockchain. L'annuncio è stato dato dopo il lancio della prima auto a trazione esclusivamente elettrica della casa automobilistica - la XC40 Recharge - avvenuto il mese scorso.

La tracciabilità delle materie prime impiegate per produrre le batterie agli ioni di litio, come ad esempio il cobalto, è una delle principali sfide che le case automobilistiche si trovano ad affrontare nell'ambito della sostenibilità. Volvo Cars intende impegnarsi per garantire la piena tracciabilità dei materiali, facendo sì che i clienti possano guidare i modelli Volvo elettrificati nella consapevolezza che il processo di approvvigionamento del materiale usato per le batterie è stato gestito in modo responsabile.

La tecnologia blockchain, basata sull'utilizzo di una rete di dati condivisi, accresce la trasparenza della catena di fornitura delle materie prime impedendo che un'eventuale modifica delle informazioni sulla provenienza del materiale non venga rilevata.

Volvo Cars è ora giunta a un accordo con i suoi due fornitori di batterie a livello globale, CATL con sede in Cina e la società sudcoreana LG Chem, e con aziende leader a livello mondiale nell'ambito della tecnologia blockchain per introdurre la tracciabilità del cobalto a partire da quest'anno.

Alle società di tecnologia Circulor e Oracle è stata affidata la gestione della tecnologia blockchain sulla catena di fornitura di CATL a seguito della riuscita di un progetto pilota condotto l'estate scorsa, mentre è attraverso la piattaforma RSBN (Responsible Sourcing Blockchain Network), con il supporto degli esperti di sourcing incaricati da RCS Global e IBM, che si sta implementando la tecnologia sullasupply chaindi LG Chem.

La blockchain è un registro digitale contenente un elenco di voci collegate le une alle altre attraverso la crittografia.

All'interno delle catene di fornitura, questa tecnologia crea registrazioni delle transazioni che non possono essere modificate, applicando al tempo stesso una serie di regole comuni relative alle tipologie di dati da registrare. Ciò consente alle parti coinvolte di verificare e controllare le transazioni in autonomia.

In questo caso specifico, i dati della blockchain includono la provenienza del cobalto, caratteristiche quali peso e dimensioni, la catena di custodia e informazioni che indicano se il comportamento dei partecipanti è in linea con le line guida dell'OCSE relativa alla catena di fornitura. L'accordo fra Volvo Cars, CATL e LG Chem riguarda la fornitura di batterie nel prossimo decennio per la prossima generazione di modelli Volvo e Polestar, inclusa la XC40 Recharge.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA