Aprilia Tuono V4, dalla strada alla pista come una superbike

La più estrema è Factory con sospensioni semiattive Öhlins

Redazione ANSA MILANO

Anteprima mondiale per la nuova Aprilia Tuono V4 che è sbarcata sui canali online della casa di Noale. Protagonista della categoria Hypernaked da strada e da pista, la Tuono V4 si è rinnovata grazie alle competenze di Aprilia acquisito in anni di competizioni. La prima grande novità della nuova famiglia Tuono V4, è costituita dalla nuova e marcata caratterizzazione dei due modelli in gamma. Tuono V4 (disponibile nelle colorazioni Tarmac Grey e Glacier White) adotta le caratteristiche di una moto sportiva stradale che guarda anche alle percorrenze più lunghe. È nuovo e maggiore il comfort concesso dal manubrio rialzato e dal cupolino più protettivo. Il passeggero ora si avvantaggia di una porzione di sella ampia e confortevole e di pedane più basse. Tuono V4 Factory (nella colorazione Aprilia Black) è votata all'adrenalina e al divertimento puro, con una componentistica sportiva che prevede di serie il sistema di sospensioni semiattive Öhlins Smart EC 2.0. Lo stile generale delle Tuono V4 è completamente nuovo e ispirato a quello introdotto da RS 660, dalla quale eredita il concetto della doppia carenatura con funzione di appendice aerodinamica.

Come nella tradizione di Tuono V4, il design è caratterizzato da superfici ridotte e dal tipico cupolino che presenta il nuovo gruppo ottico triplo a LED dotato di luci diurne DRL con funzione 'bending lights'. Essendo Tuono V4 strettamente derivata da RSV4, anch'essa beneficia della nuova ergonomia della superbike Aprilia che regala più spazio e consente un miglior inserimento del pilota a bordo, grazie alle nuove forme di serbatoio e codino. I comandi elettrici sono più funzionali e intuitivi ed è nuova la strumentazione TFT a colori più grande e completa. La ciclistica si evolve decisamente grazie all'arrivo di un nuovo e più leggero forcellone in alluminio che adotta una geometria già vista sulle Aprilia dominatrici nel Mondiale SBK, e poi sviluppata in chiave MotoGP. Il motore di 1.077 cc rimane invariato nelle prestazioni, con 175 CV e 121 nm. Anche con l'omologazione Euro 5 e un nuovo impianto di scarico, sono confermati il sound e il carattere del V4.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie