Citroën: efficienza migliorata per C5 Aircross ed e-C4

Un aggiornamento software consente di gestire meglio la carica

Redazione ANSA ROMA

Citroën migliora l'esperienza di guida in elettrico dei suoi clienti grazie a due novità destinate al crossover elettrico e-C4 e al Suv ibrido plug-in C5 Aircross. La prima ë-C4 offriva già una buona autonomia grazie ad una serie di scelte tecnologiche applicate al progetto, tra cui l'integrazione di pneumatici di classe "A+", che riducono la resistenza al rotolamento e aumentano l'efficienza.

Dal mese di ottobre, ë-C4 compie ulteriori progressi adottando evoluzioni tecnologiche che aumentano la sua autonomia. Si tratta di un miglioramento nell’ambito dei cicli Wltp, con un’autonomia omologata aumentata di 7Km, che passa a 357Km. Ma è soprattutto nell'uso reale che ë-C4 migliora l’autonomia, che può aumentare di quasi 30 km in base alle condizioni di utilizzo (temperatura esterna, tipo di strada, stile di guida, ecc.). Questi sviluppi forniscono quindi maggiore versatilità e tranquillità per gli spostamenti quotidiani e per i lunghi viaggi.

Il motore elettrico da 100kW (136 CV) e la batteria da 50 kWh, che equipaggiano i veicoli della piattaforma e-CMP, rimangono invariati, ma alcuni aggiornamenti ottimizzano le loro prestazioni: l’aggiunta di un nuovo sensore di umidità abbinato a una nuova taratura della pompa di calore permette di ottimizzare la gestione del riscaldamento e della climatizzazione, risparmiando così la carica della batteria.
Anche il sistema di trasmissione è stato perfezionato con una variazione del rapporto del riduttore del cambio che aumenta la percorrenza. La novità che attende i clienti di C5 Aircross Hybrid, riguarda invece un avviso che ricorda loro quando ricaricare la vettura. Questa nuova funzionalità fa parte di un aggiornamento automatico "Over The Air" del software del veicolo e non richiede che i clienti si rechino da un concessionario Citroën.

È progettato per aiutare i clienti a ottimizzare le prestazioni dei loro modelli ibridi plug-in e a ridurre ulteriormente l'impatto sull'ambiente. I dati raccolti da Citroën mostrano che il 55% dei tragitti inferiori a 40 km sono percorsi unicamente in modalità elettrica e che il 52% dei clienti ricarica già il proprio veicolo una o due volte ogni 100 km. L'idea è di aumentare la frequenza di ricarica per trarre il massimo vantaggio da una soluzione ibrida plug-in. Citroën C5 Aircross Hybrid Plug-In è equipaggiato con una batteria da 13,2 kWh che gli garantisce un'autonomia elettrica di 55 km (WLTP).
Il sistema funziona sulla base del computer di bordo, che analizza i percorsi, lo stato di carica della batteria e il numero di ricariche effettuate. Le notifiche sono visualizzate sotto forma di messaggi sul touchscreen del veicolo. Inizialmente, dopo cinque giorni di utilizzo del veicolo e dieci viaggi senza che il veicolo sia stato ricaricato, il software visualizzerà una notifica al giorno sul touchscreen. Se il veicolo non è stato ricaricato dopo 30 giorni di utilizzo, la notifica sarà visualizzata due volte al giorno mentre il veicolo è in uso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie