Scania, arriva 4a generazione camion ibridi e ibridi plug-in

Ideali per servizi urbani, distribuzione e betoniere a 36 ton

Redazione ANSA ROMA

 Con la nuova gamma di veicoli pesanti ibridi Scania compie un importante passo in avanti verso la totale elettrificazione dei trasporti e dei servizi, proseguendo nel suo percorso per raggiungere i propri obiettivi di riduzione delle emissioni di carbonio (Science Based Targets) in linea a quanto stabilito nell'Accordo di Parigi.
    Lo fa utilizzando una nuova catena cinematica ibrida che è stata sviluppata secondo la filosofia modulare di Scania. Questa soluzione accoppia infatti tra loro due motori elettrici combinandoli con l'ultima generazione del cambio Scania Opticruise 2020. Il risultato si chiama GE281 ed una e-machine con erogazione di potenza ottimizzata e con la possibilità di gestire fino a 36 tonnellate di peso complessivo senza il supporto del motore a combustione.
    Poiché la nuova e-machine di Scania sostiene sempre il motore a combustione, sia alla partenza che durante l'accelerazione, per i progettisti è possibile 'rivoluzionare anche quest'ultimo ridimensionandolo nella cilindrata e nell'erogazione di potenza.
    Questa soluzione ibrida garantisce dunque un risparmio di carburante fino al 40% nelle operazioni urbane, rispetto ai propulsori tradizionali.
    Le applicazioni ideali dei nuovi modelli elettrici ibridi (Hev) e ibridi plug-in (Phev) - che possono essere dotati di diverse opzioni di propulsione tradizionale e di ricarica - sono i trasporti refrigerati, gli allestimenti con betoniera e la distribuzione regionale. La nuova e-machine GE281, operando in tandem con un motore Scania a combustione da 7 o 9 litri, offre anche opportunità uniche per soluzioni di trasporto con il minimo ricorso ai combustibili fossili per veicoli industriali pesanti. "Il GE281 è qualcosa di nuovo nel settore dei veicoli industriali pesanti - afferma Fredrik Allard, senior vice president and head of e-mobility nel dipartimento sales & marketing di Scania - Con questa quarta generazione di veicoli ibridi, riusciamo a soddisfare le esigenze di molte più applicazioni rispetto alle generazioni precedenti, dimostrando come sostenibilità e innovazione siano sempre al primo posto tra gli obiettivi di Scania".
    L'ultima generazione di veicoli ibridi Scania è disponibile come HEV e come PHEV, in combinazione con cabine delle serie P, G e L e in versione autotelaio carrozzabile oppure trattore per semirimorchio. Il motore a combustione 7 litri è disponibile con tre potenze, così come il motore da 9 litri. Tutti i motori Scania Euro 6 possono essere alimentati con olio vegetale idrotrattato (HVO) ed alcuni sono compatibili anche con biodiesel FAME.
    Il GE281 di Scania offre 230 kW di potenza (308 Cv) in continuo e 290 kW di picco (389 Cv), mentre la coppia massima è di 2.100 Nm. Ha sei marce avanti e nessuna frizione tradizionale, poiché questa funzione è gestita da un ingranaggio planetario, fornendo cambi marcia senza interruzione della coppia. Questa soluzione fornisce inoltre un'eccellente guidabilità a basse velocità e la presa di forza può essere innestata con il veicolo in movimento, sia in modalità elettrica che con motore a combustione.
    "L'esperienza di guida può essere effettivamente paragonata a quella che si ottiene con un'auto dotata di cambio a doppia frizione - spiega Allard - E con questa soluzione, possiamo offrire tutte le funzioni di supporto a cui i clienti Scania sono abituati, come il cruise control adattivo con active prediction e controllo della velocità in discesa. Un altro importante miglioramento è la frenata rigenerativa, ora continua, importantissima considerando che la e-machine è la fonte frenante primaria in questi veicoli".
      Rispetto alla prima generazione dei camion ibridi, introdotta nel 2014, Scania ha compiuto grandi progressi anche nell'autonomia in modalità elettrica. "Allora si arrivava a 2 chilometri, oggi si arriva a 60 "Con la prima generazione - ha riadito Allard - Scania ha iniziato a insegnare sia a noi che ai nostri clienti il potenziale delle zero emissioni allo scarico, il silent mode e un sostanziale risparmio di carburante fornito dalla soluzione ibrida. Con il GE281 abbiamo raggiunto un nuovo livello.
    La e-machine eguaglia e spesso supera ciò che il motore a combustione può offrire, creando così l'opportunità di ridimensionare il motore a combustione interna (ICE) e risparmiare carburante e peso. L'ICE è motivato solo dalla sua capacità di offrire l'autonomia necessaria per percorrere tratte più lunghe tra diverse attività". I modelli Phev dispongono di batterie con una capacità installata di 90 kWh (3 batterie da 30 kWh), mentre la versione HEV monta una batteria da 30 kWh. Lo Scania Phev può essere rifornito completamente in 35 minuti utilizzando un caricatore in corrente continua (DC) di potenza 95 kW. Ciò significa che il veicolo può essere caricato nei depositi e durante le pause o il carico/scarico delle merci.
   
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie