Tumori: intervento in due tempi per rimuovere le metastasi

A Siena, paziente sta bene

Redazione ANSA FIRENZE

(ANSA) - FIRENZE, 27 OTT - Eseguito all'ospedale Santa Maria alle Scotte di Siena un complesso intervento di chirurgia oncologica eseguito in due tempi, che ha permesso di asportare una metastasi al fegato in prossimità della vena cava e un tumore primitivo del colon-retto.
    Le operazioni, spiega l'Aou Senese, sono state eseguite con la conduzione dall'équipe della Uoc Chirurgia generale ed Epatobiliopancreatica diretta dal dottor Marco Farsi, e "sono il risultato infatti di un'importante collaborazione tra professionisti appartenenti a branche diverse della medicina, della chirurgia e dell'oncologia, nell'ottica di un trattamento multidisciplinare dei pazienti". Su una donna affetta da patologia tumorale del colon retto, è stata per prima cosa effettuata l'asportazione di una metastasi epatica del fegato in una sede molto critica in prossimità della vena cava, cioè una grossa struttura vascolare posteriore al fegato.
    Successivamente, a distanza di circa due mesi e dopo aver costatato la buona riuscita della prima operazione, è stata effettuata l'asportazione del tumore primitivo all'intestino.
    "La paziente - afferma il dottor Marco Farsi - ha superato bene entrambi gli interventi ed è al momento libera da malattia". "Da sottolineare - aggiunge - che questi due interventi hanno permesso l'asportazione del tumore in una sede molto difficile (che ha reso necessaria una ricostruzione vascolare di una vena epatica), risparmiando però la maggior parte del fegato. Si tratta di una condizione fondamentale nel trattamento di queste patologie considerato che il fegato era danneggiato per malattia concomitante e per gli effetti delle pregresse chemioterapie".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA