Porte aperte il 9 ottobre nei 13 ospedali più belli d'Italia

Visite e concerti per scoprire l'altro volto dei luoghi di cura

Redazione ANSA ROMA

Restituire agli occhi del pubblico il patrimonio storico di strutture che nella vita di tutti i giorni siamo abituati a vedere solo come luoghi di assistenza e di cura: questo l'obiettivo della prima giornata degli ospedali storici d'Italia, che si celebrerà il 9 ottobre. Da Venezia a Napoli, da Firenze a Milano, 17 siti di 13 ospedali, da nord a sud Italia, apriranno le loro porte, tutti insieme nello stesso giorno, per visite guidate, convegni, concerti e presentazione di libri.

L'iniziativa 'porte aperte', promossa dalla "Associazione Culturale Ospedali Storici Italiani (Acosi) vede protagonisti alcuni tra i più belli e antichi nosocomi italiani: dagli Spedali Civili di Brescia all'Ospedale Santa Maria Nuova di Firenze, dal Ca' Granda di Milano agli Incurabili a Napoli. E, ancora, a Prato l'Ex Ospedale Misericordia e Dolce, a Roma l'Ospedale Santo Spirito in Sassia, a Riccione l'Ospedale Ceccarini, a Venezia l'Ospedale SS. Giovanni e Paolo. Proprio in questi luoghi, il 9 ottobre saranno organizzati anche concerti di musica classica, a ingresso libero con l'Accademia Nazionale Santa Cecilia di Roma.

"Molti luoghi di cura - spiega Edgardo Contato, presidente Acosi e direttore dell'Azienda sanitaria di Venezia - sono anche splendidi capolavori dell'architettura e dell'arte. Un percorso di tre anni ci ha portati già a riunire in un'associazione i 13 principali Ospedali storici, in 12 città: sono luoghi in cui tra mura antiche si pratica la medicina più moderna" e "in cui architettura, arte, sapere medico e storia sociale si fondono".

A rendere possibile l'iniziativa, la sottoscrizione di un protocollo siglato insieme a ministero della Salute e della Cultura. "Abbiamo a lungo sognato di aprire al pubblico tutti questi luoghi in cui le attività sanitarie di primissimo livello si praticano in contesti monumentali e le tecnologie medicali stanno a pochi metri da capolavori artistici che meritano di essere conosciuti. Oggi - conclude il presidente Acosi - questa nostra intuizione si fa realtà". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA