Uno "stormo" di Titti per i bambini inguaribili

1500 esemplari donati dalla moglie di un informatico con la Sla

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - È molto più di un dono, è uno "stormo" di pupazzi canarini gialli carico di amore quello che oggi è planato a Casa Sollievo Bimbi di Vidas, a Milano, tra i pochissimi hospice pediatrici in Italia. Si tratta della collezione privata di Stefania Bastianello, direttore tecnico di Aisla, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, che popolerà con i suoi 1.500 "Titti", non solo gli spazi comuni di questa struttura, ma anche le stanze e il gioco dei bambini affetti da patologie gravissime, che Vidas cura nella sede e a domicilio ogni giorno. La storia di questa collezione - considerata tra le più grandi d'Europa - ha accompagnato, infatti, un intero decennio di vita, quello trascorso insieme a suo marito, Cesare Scoccimarro. Talentuoso informatico colpito da sclerosi laterale amiotrofica a soli 32 anni, Cesare è mancato proprio 10 anni fa, il 26 luglio del 2012, quando ne aveva 50. "La Sla - spiega Bastianello - ha travolto la nostra esistenza quando eravamo poco più che trentenni. Una convivenza complessa, spesso dolorosa. Lui immobile ed io superattiva.
    Questa è stata la nostra danza, il sole e il girasole. Cesare è stato un uomo pieno di talenti e passioni, era energia pura e libera. La reciprocità crea compattezza ed è questo lo spirito con il quale dono la nostra collezione di Titti. Desidero che i ricordi e le emozioni possano diventare circolari e generativi, e nulla come il sorriso di un bambino può esserlo". I ricordi di Stefania e Cesare sono tanti e belli, nonostante la Sla con la quale hanno convissuto per 18 anni. Insieme hanno affrontato le difficoltà con energia e determinazione, anche quando parevano insormontabili. E Titti, tra i personaggi più iconici e amati dei Looney Tunes che quest'anno celebra i suoi 80 anni, è l'emblema di come sia possibile trasformare la fragilità in forza. La stanza in cui Cesare viveva si è pian piano arricchita di centinaia di esemplari. Tutti originali e alcuni persino numerati perché a produzione limitata: pupazzi, pezzi in resina, persino un telefono in bachelite e una moto elettrica per bambini funzionante cavalcata da un enorme Titti di peluche. È anche grazie a questi oggetti che la stanza, a dispetto delle apparecchiature elettromedicali e dei bip freddi e ripetitivi, è diventata un luogo vivace e colorato. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA