Nascono 2 nuove start-up di ricerca biomedica, 16 mln fondi

Intesa tra Equiter e Fondazione Telethon

Redazione ANSA ROMA

Nascono due start-up innovative in ambito biomedico che si occuperanno di genomica, sequenziamento di Dna e di virus geneticamente modificati che possono contribuire alla lotta alle malattie. Tutto ciò è possibile grazie all'incontro tra Equiter, investitore di capitale di rischio e advisor del Fondo Ricerca e Innovazione (Rif), e Fondazione Telethon. Con un investimento complessivo di 16 milioni di euro (14 dei quali investiti dal Rif e 2 dalla Fondazione) prenderanno vita Next Generation Diagnostic e InnovaVector, il cui contributo scientifico vede la firma dei ricercatori dell'Istituto Telethon di Genetica e Medicina (Tigem) di Pozzuoli, in particolare del direttore Andrea Ballabio e del responsabile del programma di terapia genica Alberto Auricchio, che ricoprono entrambi la carica di professore ordinario di Genetica Medica all'Università "Federico II" di Napoli. La stessa Università campana ha riconosciuto ufficialmente le due società spin-off, valutate positivamente sul piano strategico-programmatico dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Next Generation Diagnostics srl si occuperà di sviluppare e sperimentare nuove tecniche diagnostiche basate sulla genomica e sui sistemi di sequenziamento del Dna di nuova generazione.
    InnovaVector srl avrà invece l'obiettivo di progettare e sperimentare nuove tecniche di produzione, purificazione e controllo della qualità dei vettori virali adeno-associati (Aav) per l'utilizzo in terapia genica. I vettori virali, cioè virus opportunamente ingegnerizzati per trasportare in modo sicuro ed efficiente materiale genetico all'interno delle cellule bersaglio, sono lo strumento chiave della terapia genica. "Il Fondo Rif si sta dimostrando uno strumento di investimento particolarmente efficace nell'offrire sostegno finanziario a progetti innovativi in un orizzonte di medio lungo termine", spiega Carla Patrizia Ferrari, presidente di Equiter.
    "Proprio in questo momento storico - dichiara invece il direttore generale di Fondazione Telethon Francesca Pasinelli - è per noi di cruciale importanza garantire continuità alla ricerca con risorse costanti nel tempo, mantenendo fede al patto fatto con la comunità dei pazienti e con i donatori stessi".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA