Bonomi rilancia, 570 milioni per Guala Closures

Sale a 48,9%, lancerà Opa. Ad e Peninsula per ora non aderiscono

Redazione ANSA

- Dopo il flop dell'opa parziale dello scorso giugno, Investindustrial alza l'offerta per Guala Closures e riesce ad assicurarsi il controllo di quasi la metà del capitale della multinazionale italiana dei tappi, valorizzando il gruppo, su cui dovrà lanciare un'offerta pubblica di acquisto, circa 570 milioni di euro.

Il fondo di Andrea Bonomi ha annunciato di aver rilevato il 23,2% del capitale su base 'fully diluited' al prezzo di 8,2 euro ad azione, cifra che rappresenta un rilancio del 36,7% rispetto ai 6 euro messi sul piatto a giugno e assicura un premio del 26,6% sulle quotazioni medie del titolo degli ultimi sei mesi. Investindustrial, che già detiene il 4% del capitale, rileverà allo stesso prezzo un altro 16,6% da Alantra, Delfin (la holding di Leonardo Del Vecchio) e Factor Holding, che reinvestiranno in tutto o in parte quanto incassato in Special Packaging Solutions Investments (Spsi), il veicolo utilizzato per rilevare Guala Closures, di cui arriveranno a detenere una quota compresa tra il 13 e il 30% del capitale, a seconda di quelle che saranno le adesioni all'opa obbligatoria. Considerati anche gli impegni di adesione all'opa, che interessano un ulteriore 5,2% del capitale, il fondo di Bonomi si è assicurato già il 48,9% del capitale di Guala, che corrisponde al 43,5% dei diritti di voto. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie