Federalimentare, proposta Ue sugli imballaggi va ripensata

Non vada a discapito di una sostenibilità economica e sociale

Redazione ANSA ROMA

Pur condividendo gli obiettivi generali, Federalimentare si unisce al coro di critiche sulla proposta di Regolamento sugli imballaggi. "E' una che rischia di essere devastante per tutto il settore alimentare e delle bevande", osserva il presidente di Federalimentare, "l'impatto potenziale risulterebbe insostenibile sia dal punto di vista economico, a causa dei maggiori costi e oneri sugli operatori, che tecnologico, in relazione alle difficoltà logistiche e organizzative di non poco conto in capo alle imprese impossibilitate ad adeguarsi in così poco tempo. Senza contare le ricadute depressive sui consumi e in contrasto con la forte propensione delle nostre imprese all'export".

Il presidente ribadisce che "la transizione verso imballaggi sempre più sostenibili non può avvenire tramite l'approccio "packaging free" che è nelle intenzioni della CE. L'imballaggio alimentare non è un semplice "contenitore" ma ha una funzione essenziale per mantenere inalterata la conservazione, la qualità, la sicurezza del prodotto alimentare lungo tutte le fasi della filiera. C'è da parte delle nostre imprese tutto l'interesse a procedere in una direzione che sia quanto più possibile sostenibile dal punto di vista ambientale, ma non a discapito di una sostenibilità economica e sociale". La proposta di regolamento, aggiunge Vacondio, "è costruita con un'impostazione fortemente ideologica che rischia di scardinare l'eccellenza del modello, rappresentato dal sistema Conai, grazie al quale l'Italia ha già raggiunto gli obiettivi UE di riciclo al 2030". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie