In Sicilia la coltivazione bio dell'albero della vita

Azienda Moringa da ex commercialista "contadino" e rivenditore

Redazione ANSA PALERMO

PALERMO - Nove anni fa ha deciso di cambiare vita e dedicarsi alla coltivazione di una pianta allora conosciuta solo dagli addetti ai lavori: la Moringa oleifera, una sorta di superfood, originaria dell'Himalaya. Un albero considerato "miracoloso" per le sue proprietà nutrizionali.

Vincenzo Cannizzaro, 55 anni, palermitano, ex commercialista, ha comprato un terreno di un ettaro a Terrasini (Pa) e ha cominciato a studiare e poi coltivare la Moringa, detto l'albero della vita. Oggi la sua coltivazione è l'unica in Italia ad avere avuto la certificazione biologica, garanzia che la pianta cresce in un suolo sano e senza l'uso di prodotti chimici: cresce in un suolo biologico da 20 anni. "Nel progetto che mi vede contadino e piccolo trasformatore, ho coinvolto la mia famiglia: mia moglie e i miei figli che mi aiutano a coltivare e raccogliere", racconta Cannizzaro. Dopo la raccolta la Moringa viene venduta ai ristoranti - è molto richiesta nei menu vegani - alle erboristerie e anche, direttamente, ai consumatori. Si mangia in polvere, previa essiccazione, e fresca, si usa per tisane, frullati, con le zuppe. "Per sette otto mesi si trova fresca" spiega Cannizzaro che ha aperto una pagina Facebook, "Moringa Sicilia", dove racconta la sua attività, illustra le proprietà della pianta e spiega come e dove poterla acquistare.

Usata nella medicina ayurvedica da 5 mila anni, la Moringa è stata oggetto di centinaia di studi scientifici.

"Cresce in climi caldi o miti e resiste alla siccità - spiega Cannizzaro - Della Moringa si mangia tutto: le foglie, i frutti, piccoli baccelli che sanno di asparagi, i fiori da cui si ricava anche il miele. Coi semi si produce l'olio, usato nella cosmetica e per i prodotti erboristici o biologici".

Ha un contenuto proteico che non ha nulla da invidiare ai legumi e contiene 46 diversi antiossidanti. "Le foglie di sono anche una miniera di vitamine e minerali. - dice l'ex commercialista - Ha più calcio del latte, è ricca di vitamine B e A, indispensabili per la vista e la retina e per la qualità e la salute di pelle e capelli. L'elevato contenuto di antiossidanti la rende un'ottima alleata del sistema immunitario; migliora l'assorbimento del ferro, favorendo la prevenzione da anemie e il recupero fisico".

"L'elevato contenuto di antiossidanti fa della polvere di foglie un eccellente vasoprotettore, - aggiunge - utile contro l'ipertensione".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie