Nella calza dei torinesi un gianduiotto extra-large da 5 Kg

L'evento è offerto dallo storico locale Caffè al Bicerin

Redazione ANSA ROMA

Sarà un gianduiotto gigante da 5 chili a riempire la calza dei torinesi il 6 gennaio: nel giorno dell'Epifania, lo storico Caffè al Bicerin di Torino, per festeggiare la Befana e la chiusura dei brindisi per i 256 anni di attività, offrirà alla cittadinanza, come da tradizione, la golosità dolciaria in misura extra-large.

L'evento è previsto alle ore 15,00. Il locale, affacciato su Piazza della Consolata, di fronte al Santuario, è noto per le cioccolaterie ottocentesche e per una storica bevanda torinese, composta da cioccolata, caffè e crema di latte, servita in piccoli bicchieri senza manico. E' ritenuto che l'origine e il nome della bevanda sia dovuta allo storico locale Caffè Al Bicerin, aperto nel 1763 dall'acquacedratario Giuseppe Dentis.

Il Caffè, oggi gestito dalla famiglia di Maritè Costa che, in più di 30 anni di gestione, si impegnò - spiega una nota - "perché il suo valore venisse riconosciuto a livello nazionale e internazionale", è stato punto di riferimento di grandi personalità: da Cavour a Pellico, da Puccini a Nietzsche, dalla Osiris a Calvino fino ad arrivare alla regina Maria Josè e Umberto II, solo per citarne alcuni. Il locale è stato trasformato spesso in set cinematografico per molte produzioni nazionali e internazionali ed è stato protagonista di una pagina della narrativa italiana: il filosofo e scrittore Umberto Eco ha ambientato alcuni passi del romanzo "Il Cimitero di Praga". Nel 2019 la Guida dei Bar d'Italia del Gambero Rosso ha attribuito al Caffè il punteggio di "3 tazzine e 2 chicchi".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie