Antonello da Messina e Leonardo, le mostre del weekend

Alle Gallerie Uffizi triplice omaggio a Cosimo I de' Medici

Marzia Apice FIRENZE

FIRENZE -  I giganti Leonardo da Vinci e Antonello da Messina, ma anche l'indagine sul mondo dei locali notturni, la fotografia surreale di Jeff Bark e i reperti archeologici di Aquileia: sarà ricchissima la scelta di mostre che si potranno visitare il prossimo weekend.
    FIRENZE - Al Museo Galileo dal 6 giugno al 22 settembre "Leonardo e i suoi libri. La biblioteca del Genio Universale" che tenta di ricostruire la biblioteca del grande ingegnere-artista, arrivato a collezionare circa 200 volumi alla fine della sua vita. In un percorso cronologico, la mostra presenta i documenti della famiglia dell'artista, i primi libri del giovane Leonardo, i grandi maestri, nonché i manoscritti e incunaboli identificati con i testi utilizzati da Leonardo, affiancati da applicazioni multimediali che consentiranno di sfogliarli e confrontarli con i codici autografi. A 500 anni dalla nascita del primo Granduca di Firenze, le Gallerie degli Uffizi celebrano Cosimo I con tre mostre d'eccezione fino al 29 settembre: agli Uffizi si apre il 4 giugno "Cento lanzi per il Principe" (90 opere tra armature, armi, vestiti, incisioni, dipinti, documenti e libri) dedicata alla Guardia tedesca dei Medici, mentre Palazzo Pitti ospita dal 6 giugno "Omaggio a Cosimo: Una biografia tessuta. Gli arazzi seicenteschi in onore di Cosimo I" (i momenti salienti del governo del primo Granduca Medici sono raccontati nella serie di otto arazzi) e "La prima statua per Boboli. Il Villano restaurato" (con la statua il Villano con la Botticella recentemente restaurata).
    AQUILEIA - "Magnifici ritorni. Tesori aquileiesi dal Kunsthistorisches Museum di Vienna" è la mostra allestita al Museo Archeologico Nazionale di Aquileia dall'8 giugno al 20 ottobre che riporta "a casa", dopo quasi 200 anni, 120 reperti archeologici rinvenuti ad Aquileia. Tra statue, rilievi, gemme, monete, bronzi, il percorso svela l'importanza dell'attività archeologica aquileiese e riporta indietro nei secoli, non solo alla fondazione della città (di cui si festeggiano nel 2019 i 2200 anni) ma anche all'800, quando Aquileia era parte dell'impero asburgico. ROMA - Un mondo onirico, composto da frammenti sospesi di una storia affascinante ed enigmatica: è la mostra "Jeff Bark.
    Paradise Garage", prima personale del fotografo statunitense in Italia, al Palazzo delle Esposizioni dal 7 giugno al 28 luglio.
    Nel percorso oltre 50 opere inedite dedicate alla Città Eterna, in cui i set costruiti da Bark diventano paesaggi surreali, scene conviviali, ritratti monumentali che rievocano lo spirito delle quadrerie allestite per temi nei palazzi barocchi romani.
    CEFALU' - Al Museo Mandralisca dall'8 giugno al 26 novembre "Scoprici. Antonello da Messina, due ritratti per Cefalù". La mostra mette a confronto due ritratti che, sebbene realizzati dallo stesso artista, sono molto diversi tra loro: il Ritratto d'uomo della collezione Mandralisca e il Ritratto d'uomo - Malaspina, appartenente alla collezione dei Musei Civici di Pavia.
    PRATO - Al Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci dal 7 giugno al 6 ottobre accoglie "Night Fever. Designing Club Culture 1960 - Today": la mostra, prodotta dal Vitra Design Museum e ADAM - Brussels Design Museum indaga la storia del clubbing, documenta quanto i locali notturni e le discoteche siano stati epicentri di cultura contemporanea attraverso film, fotografie d'epoca, manifesti, abiti e opere d'arte e una serie di installazioni luminose e sonore. CALDES (Tn) - Dal 6 giugno al 3 novembre arriva a Castel Caldes "La collezione Cavallini Sgarbi. Da Niccolò dell'Arca a Francesco Hayez" che racconta attraverso 80 opere 40 anni di attività collezionistica svolta con passione da Vittorio Sgarbi, insieme alla madre Rina Cavallini. CANNETO SULL'OGLIO (Mn) - "Opere grandi formati" è la collettiva che segna la riapertura della Galleria Giovanni Bonelli.
    Allestita dall'8 giugno al 9 novembre, la mostra presenta i lavori di artisti quali Vik Muniz, Hiroyuki Masuyama, Luigi Ontani, Gianni Pettena e altri, che si sono confrontati con la grande dimensione.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA