Emilia-Romagna

Imprese: Bio-on, terza asta il 27 ottobre

Pubblicato il bando: il prezzo di partenza scende a 54,5 milioni

È stato pubblicato il terzo bando d'asta relativo all'intero compendio aziendale di Bio-on, l'azienda della bioplastica con sede nel Bolognese fallita nel 2019 e con gli ex vertici al centro di un'inchiesta per manipolazione del mercato e false comunicazioni sociali. Il prezzo di partenza è stato fissato a 54,5 milioni, con cauzione di un milione. L'asta si terrà il 27 ottobre.
    Il primo tentativo di vendita risale a maggio scorso: il prezzo di partenza era stato fissato intorno ai 95 milioni, ma l'asta era andata deserta. Copione simile il 28 luglio, quando la base d'asta era scesa a 72,5 milioni. La strada, però, resta per ora quella di tentare di evitare lo 'spezzatino' di una realtà che, prima del crac del 2019, era arrivata a capitalizzare oltre un miliardo in Borsa.
    Nei giorni scorsi, con un comunicato stampa congiunto, i sindacati e i curatori (Antonio Gaiani e Luca Mandrioli) si erano rivolti all'Inps per chiedere una risposta "alle nostre istanze circa l'applicabilità degli ammortizzatori c.d. Covid ovvero la possibilità di proroga degli stessi" e sollecitando un'accelerazione nel pagamento della Cigs non ancora erogata. Il tutto mentre si stanno approfondendo, spiegava lo stesso comunicato, "alcune manifestazioni di interesse pervenute alla curatela, finalizzate a garantire la continuità produttiva e, quindi, l'auspicabile salvataggio dell'azienda".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna



        Modifica consenso Cookie