Emilia-Romagna
  1. ANSA.it
  2. Emilia-Romagna
  3. Il Duo Pianistico di Firenze per Conoscere la Musica

Il Duo Pianistico di Firenze per Conoscere la Musica

Il 10 novembre a Bologna con Ravel, Gershwin e Stravinskij

(ANSA) - BOLOGNA, 09 NOV - La rassegna concertistica di 'Conoscere la Musica' alla Sala Biagi di Bologna, approda domani alle 20,30 al duo pianistico, con un programma di grande popolarità. Sara Bartolucci e Rodolfo Alessandrini, 30 anni di concerti in giro per il mondo, incisioni, riscoperte, esecuzioni di nuove partiture spesso a loro dedicate, costituiscono il Duo Pianistico di Firenze, una vita seduti allo stesso pianoforte a quattro mani o a due pianoforti, con una dedizione e una passione unica, che li ha fatti divenire in Italia un esempio ormai imitato di serietà professionale e di talento musicale.
    Per la storica rassegna bolognese, il duo suonerà i due pianoforti a coda della sala, lo Steinway & Sons costruito ad Amburgo nel 1930 e il gran coda spagnolo Ortiz & Cussó, costruito a Barcellona nel 1925, entrambi di proprietà comunale e recentemente restaurati. Su questi strumenti Sara Bartolucci e Rodolfo Alessandrini eseguiranno un programma quanto mai avvincente dal titolo "Parigi, fra mondanità e scandalo" che si apre col celeberrimo Bolero di Maurice Ravel, prosegue con la suite Un americano a Parigi di George Gershwin e si conclude con la grandiosa Sagra della Primavera di Igor Stravinsky.
    Il sottotitolo del balletto di Stravinsky è "Quadri della Russia pagana in due parti", (Adorazione della Terra, Il Sacrificio) che dovevano nelle intenzioni dell'autore ricreare la cerimonia delle tribù slave fedeli al dio Yarilo le quali, all'inizio della primavera, offrono in sacrificio una fanciulla, simbolo di fertilità e di nuova linfa vitale. "Componendo la Sagra — scrisse Stravinskij — mi immaginavo l'aspetto scenografico del lavoro come un seguito di movimenti ritmici di una estrema semplicità eseguiti da dei grandi blocchi umani, di effetto immediato sullo spettatore, senza minuzie superflue né complicazioni forzate ad una sola danzatrice. La musica di questo passo, netta e precisa, esigeva ugualmente una coreografia corrispondente semplice e facile da cogliere".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Aeroporto di Bologna


      Modifica consenso Cookie