Corte Ue, non è detto che 'Fack Ju Göhte' sia un insulto

Euipo dovrà ripronunciarsi sulla registrazione del marchio

Redazione ANSA

BRUXELLES - L'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo) dovrà prendere una nuova decisione sulla domanda della Constantin Film di registrazione del segno 'Fack Ju Göhte' come marchio dell'Ue per prodotti commerciali. Lo ha stabilito con una sentenza la Corte di Giustizia Ue. La Corte motiva la decisione affermando che "l'Euipo e il Tribunale Ue, secondo i quali questo segno sarebbe contrario al buon costume, non hanno adeguatamente tenuto conto del fatto che l'identico titolo di una commedia cinematografica non sembra essere stato percepito come moralmente inaccettabile dal grande pubblico di lingua tedesca".

Nel 2015 la Costantin film ha chiesto all'Euipo di registrare il segno 'Fack Ju Göhte', dal titolo di un film tedesco, come marchio dell'Ue per una serie di servizi e prodotti commerciali (cosmetici, gioielli, alimenti, bevande, prodotti per viaggi e sport). Euipo ha rifiutato di garantire protezione al marchio sostenendo che per le persone di lingua tedesca "Fack Ju" era troppo simile foneticamente al termine offensivo inglese "Fuck you". La Costantin film ha portato la questione al Tribunale Ue che ha respinto il ricorso e ha quindi presentato il caso alla Corte di Giustizia Ue che oggi ha annullato le precedenti decisioni dell'Euipo e del Tribunale sottolineando che non ci sono prove evidenti che il termine sia percepito come un insulto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie