Corte Ue, valutare confusione formaggi BBQLOUMI e HALLOUMI

Annullata la sentenza del Tribunale Ue per "errore di diritto"

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il Tribunale dell'Ue dovrà tornare a pronunciarsi sul rischio di confusione per i consumatori tra i formaggi designati BBQLOUMI di un produttore bulgaro e i prodotti del marchio collettivo HALLOUMI dei caseifici ciprioti. Lo ha stabilito la Corte Ue in una sentenza odierna che annulla per "errore di diritto" la decisione del Tribunale che aveva dichiarato "l'insussistenza del rischio di confusione". La Foundation for the Protection of the Traditional Cheese of Cyprus named Halloumi, titolare del marchio collettivo HALLOUMI, aveva presentato opposizione alla registrazione del marchio BBQLOUMI presso l'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale(Euipo), il quale ha però escluso il pericolo di confusione.

La decisione è stata impugnata dinanzi al Tribunale, che ha confermato che "in caso di debole carattere distintivo del marchio anteriore, l'esistenza di un rischio di confusione deve essere esclusa". La Corte ha dichiarato nulla la sentenza in quanto secondo lei non è invece possibile escludere che i consumatori possano confondersi sull'origine dei prodotti delle due diverse società.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie