Verso guida Ue contro i prodotti falsi online

In aumento le pubblicità ingannevoli per mascherine e disinfettanti

Redazione ANSA

BRUXELLES - Una guida comune contro la diffusione di prodotti falsi online per far fronte al coronavirus, come mascherine e disinfettanti venduti a caro prezzo e pubblicità ingannevoli. La Commissione Ue e la rete di autorità nazionali per la protezione dei consumatori Ue (CPC) stanno lavorando a linee guida comuni, a seguito delle azioni intraprese dalle autorità italiane, per coordinare autorità, commercianti e piattaforme online contro le frodi in rete e rimuovere rapidamente prodotti e pubblicità false in aumento da quando è iniziata l'epidemia.

"Non accetteremo che i commercianti giochino sulle paure dei consumatori causate dall'epidemia di covid-19 nell'Ue - commenta Didier Reynders, commissario per la Giustizia e i consumatori -. Alcune piattaforme, come Amazon e Facebook, hanno volontariamente preso provvedimenti contro le pubblicità. L'organizzazione dei consumatori sta intensificando il proprio lavoro".

L'Ue invita le autorità ad adottare rapidamente le necessarie misure a livello nazionale. "Posso assicurare che la Commissione e le autorità competenti degli Stati membri useranno tutti i loro poteri per sanzionare i commercianti disonesti"conclude Reynders. La guida sarà resa pubblica nei prossimi giorni.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie