Coronavirus: appello musica indipendente per tutela settore

Impala, a rischio posti di lavoro, Ue lavori per ridurre impatto

Redazione ANSA

BRUXELLES - Garantire un approccio coordinato in tutta Europa per ridurre al minimo l'impatto della crisi provocata dal coronavirus sul settore musicale indipendente. E' l'appello lanciato da Impala, l'organizzazione che rappresenta le aziende europee di musica indipendente. "L'Ue e i governi nazionali stanno reagendo a ritmi diversi. Sono in gioco posti di lavoro, creatività e diversità culturale. La musica e la cultura devono essere riconosciute come prioritarie", scrive l'organizzazione in una nota. Impala ha istituito una task force sul Covid-19 che ha pubblicato un pacchetto di raccomandazioni per un'azione a livello Ue, nazionale e settoriale per proteggere il settore musicale.

In particolare, Impala chiede all'Unione di "monitorare le risposte nazionali per garantire un livello minimo di sostegno in tutta Europa e fornire incentivi fiscali per promuovere la crescita post crisi". La musica e il mondo culturale sono i primi settori a essere stati colpiti dalla crisi, rappresentano il 4,4% del Pil dell'Ue e 12 milioni di posti di lavoro a tempo pieno. "L'Ue dovrebbe monitorare ciò che sta accadendo a livello nazionale - dichiara Francesca Trainini, presidente di Impala e della task force - L'Italia è solo un esempio dei settori musicali che stanno crollando". Un appello è rivolto anche agli attori digitali, alle società di gestione collettiva e ai media per attuare misure specifiche a supporto del mondo musicale.

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie