Google in alcuni Paesi pagherà per notizie di qualità

In Germania, Australia e Brasile

Redazione ANSA

BRUXELLES - Google pagherà per la condivisione sul web di articoli di alcuni gruppi editoriali in Germania, Australia e Brasile. In corso discussioni anche con altri Paesi. Lo ha annunciato Brad Bender, vicepresidente per la gestione dei prodotti di Google in un post sul blog della piattaforma web. In particolare, accordi sono stati conclusi con gli editori dei giornali tedeschi Der Spiegel Frankfurter Allgemeine Zeitung, degli australiani InQueensland e InDaily e i brasiliani del gruppo Darios Associados.

Google ha dichiarato che provvederà a retribuire gli editori per condividere "notizie di qualità", nell'ambito di una nuova iniziativa per un servizio di informazione che sarà presentato prossimamente. Non sono per ora ancora noti i dettagli economici relativi agli accordi raggiunti. Secondo Mountain View questo progetto aiuterà i gruppi editoriali ad ottenere maggiori ricavi da notizie di qualità. "I media attireranno così un pubblico più ampio e gli utenti avranno la possibilità di usufruire di contenuti che normalmente non leggerebbero", si legge sul blog. Inoltre, sono in corso discussioni tra Google e gli editori di altri Paesi per il pagamento delle licenze dei contenuti condivisi online.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie