Patto stabilità: Tinagli, bene rientro graduale debito

Redazione ANSA BRUXELLES
(ANSA) - BRUXELLES, 09 NOV - "Da anni ormai si parla della necessità di riformare le regole economiche dell'Unione Europea e il Patto di Stabilità, in modo che possano essere più orientate alla crescita senza compromettere la stabilità economica dell'Unione, ma non si è mai riusciti a trovare una soluzione di equilibrio che potesse coagulare l'accordo di tutti i Paesi Ue. Spero che la Comunicazione di oggi rappresenti una svolta positiva". Lo afferma in una nota Irene Tinagli eurodeputata del Pd e presidente della commissione per l'economia dell'Eurocamera.

"Le idee contenute nella Comunicazione della Commissione di oggi vanno nella giusta direzione - aggiunge -, accogliendo peraltro molte richieste che abbiamo fatto come gruppo dei Socialisti & Democratici al Parlamento Europeo, soprattutto l'idea di un percorso di rientro dal debito più graduale e flessibile, che non segua una regola unica uguale per tutti ma un percorso di interventi 'personalizzato' definito da ciascun stato membro e discusso con la Commissione Europea, un po' come abbiamo fatto con la definizione del piano di Riforme e investimenti del Pnrr".

"Continuo a credere che a fianco di una riforma di questo genere l'Unione Europea dovrebbe anche ragionare su nuovi strumenti europei permanenti per sostenere l'Unione nei momenti di crisi - conclude Tinagli -, ma intanto accolgo volentieri questo fondamentale primo passo e mi auguro che le proposte contenute nella Comunicazione possano incontrare l'accordo di tutti i Governi nazionali e diventare presto proposte legislative concrete". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: