Friuli Venezia Giulia
  1. ANSA.it
  2. Friuli Venezia Giulia
  3. Calcio: Sottil, Udinese a San Siro dovrà dimostrare coraggio

Calcio: Sottil, Udinese a San Siro dovrà dimostrare coraggio

Il tecnico all'esordio in A, 'da Siracusa ai campioni d'Italia'

(ANSA) - UDINE, 12 AGO - "Il Milan, non lo scopro io, è una squadra rodata e fatta da grandi calciatori. Gioca a memoria, si trovano a meraviglia ma noi abbiamo l'obbligo di non andare lì a guardare loro giocare. L'Udinese ha dimostrato di saper fare grandi prestazioni contro le big. Massimo rispetto, ci saranno 70 mila persone ma sono tutti fattori per essere carichi e andare a giocare con coraggio. Abbiamo qualità e dobbiamo dimostrarla quando avremo la palla per fargli male. Sono sicuro che domani ci faremo trovare pronti".
    Sono le parole di Andrea Sottil, alle telecamere di Udinese Tv, alla vigilia della trasferta di San Siro, in cui esordirà su una panchina di Serie A.
    "Mi accompagnano tante e bellissime sensazioni. Ripenso al mio film personale iniziato nel 2011 a Siracusa e arrivare ora ad essere l'allenatore dell'Udinese mi dà grande soddisfazione.
    Il percorso mi è servito molto per crescere e oggi sono pronto per il debutto, per giunta a San Siro e sarà molto stimolante contro i campioni d'Italia". Dopo la gara zoppicante con la Feralpi Salò in Coppa Italia, il tecnico si è concentrato sulla difesa: "Un reparto che ha giocatori forti ma che necessitano di un po' di tempo in più, soprattutto per i calciatori che arrivano da altri campionati, per registrare i sincronismi tattici. Ho visto, però, una grande predisposizione al lavoro e voglia di migliorarsi, ed è molto importante".
    "Quanto ai giocatori che erano in dubbio - ha spiegato Sottil -, Becao è recuperato ed è al 100% e anche Walace è arruolato, mentre Beto sarà a disposizione anche se, chiaramente, non avrà i 90 minuti, ma siamo sulla buona strada. L'importante è che lui abbia sensazioni molto positive nelle gambe e ha risposto bene.
    Nel giro di due o tre settimane potrà essere a posto del tutto".
    Out saranno Jajalo, Arslan e Buta. Il mister friulano ha parlato anche di Pioli: "Con Stefano siamo amici. Ho giocato con lui, è sempre stato un bravissimo ragazzo. Da compagno era già allenatore in campo, preciso e maniacale soprattutto sulla linea essendo stato un difensore centrale. Non mi meraviglia il suo percorso. Ha costruito un'identità ben precisa ed è riuscito ad esprimere un bel calcio che gli ha permesso di vincere con merito. Quest'anno resta tra i favoriti avendo mantenuto la stessa squadra e inserito giocatori di qualità. Rimane una pretendente insieme a Juve, Inter, Napoli e Roma, che sono tutte li a combattere per vincere". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Nuova Europa


        Modifica consenso Cookie