'Ndrangheta: da rifare il processo all'ex deputata Mondello

Giudici, capo imputazione generico, processo da rifare

Sentenza annullata in Appello e processo da rifare per l'ex onorevole dell'Udc ed ex campionessa di Rischiatutto Gabriella Mondello per le presunte infiltrazioni della 'Ndrangheta a Lavagna. La ex sindaco era stata condannata in primo grado a un anno e sei mesi ma i giudici della corte d'appello hanno annullato la sentenza "per genericità del capo di imputazione" e trasmesso gli atti al pm per riscriverlo e rifare il processo. "Sono contenta - ha detto Mondello - i giudici si stanno rendendo conto che non c'entro nulla".
    Ridotta invece la condanna all'ex sindaco Giuseppe Sanguineti: da due anni del primo grado a un anno e sei mesi in secondo. I giudici lo hanno assolto dall'abuso di ufficio ma è rimasto il voto di scambio. I giudici hanno confermato l'esistenza della associazione mafiosa.

Tutti i presunti capi della 'locale' di 'ndrangheta hanno avuto le pene leggermente ridotte. Paolo Nucera è stato condannato a 16 anni e tre mesi (16 e otto in primo grado), Francesco Nucera 7 anni e 10 (da nove anni e sei mesi), Francesco Antonio Rodà 15 anni e sei mesi (15 anni e otto mesi). L'inchiesta risale al 2016 e aveva portato i presunti capi della 'locale' in carcere e i politici agli arresti domiciliari. Per l'accusa, i politici avrebbero ottenuto i voti alle elezioni in cambio di 'favori' resi agli esponenti della criminalità calabrese, in particolare lo smaltimento dei rifiuti e la gestione di alcuni chioschi sul lungomare. Dopo gli arresti, il consiglio Comunale di Lavagna fu sciolto per infiltrazioni mafiose.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie