L'arcivescovo di Genova: 'Trovare un senso a tutto questo'

 "Signore, aiutaci a trovare un senso a tutto questo, aiutaci a trovare un senso a quello che è accaduto". Lo ha detto l'arcivescovo di Genova Marco Tasca durante l'omelia pronunciata nella celebrazione per commemorare le 43 vittime causate dal crollo del Ponte Morandi il 14 agosto del 2018 in occasione del secondo anniversario della tragedia.
    Monsignor Tasca, per dare coraggio ai familiari delle vittime, durante l'omelia ha anche detto: " Il dolore e la sofferenza non avranno l'ultima parola". In chiesa, tra gli altri, il sindaco Marco Bucci e in rappresentanza della Regione l'assessore Ilaria Cavo La messa, aperta al pubblico, è stato il primo dei momenti con cui Genova rivive quel giorno, seguiranno la commemorazione nella Radura della Memoria, sotto il nuovo ponte Genova San Giorgio, la deposizione di una targa con i nomi dei morti a Palazzo Tursi , sede del Comune e tre fiaccolate. 

Prima di entrare in chiesa di San Bartolomeo della Certosa monsignor Tasca ha detto: "Quanto accaduto non si dovrà dimenticare mai, ma il dolore può essere vissuto con speranza, bisogna guardare avanti con fiducia". La funzione religiosa si è aperta con la lettura dei nomi dei 43 morti da parte di Don Gianandrea Grosso, parroco di Certosa. Tra i familiari delle vittime Paola Vicini, madre di Mirko, i genitori e il fratello di Luigi Matti Altadonna, Emmanuel Diaz, fratello di Henry. Alla messa anche l'architetto Stefano Boeri, ideatore del progetto di riqualificazione delle aree sotto il nuovo viadotto.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie