Liguria
  1. ANSA.it
  2. Liguria
  3. Cabral allo scadere stende lo Spezia, Fiorentina respira

Cabral allo scadere stende lo Spezia, Fiorentina respira

Terracciano salva i viola 4 volte, poi aquilotti restano in 10

 La Fiorentina vince allo scadere contro uno Spezia in dieci e allontana la crisi di risultati in campionato. Al Picco finisce 2-1 dopo una partita equilibrata, caratterizzata dalle parate di Terracciano nel primo tempo e dalla scarsa mira di Jovic e compagni nella ripresa.
    Inizio vigoroso dello Spezia, che nei primi sei minuti obbliga il numero 1 viola a due salvataggi ravvicinati (1' e 6') su Gyasi, servito da un ispirato Agudelo. Il monologo di casa è interrotto dal gol di Milenkovic (15'), che anticipa Nzola sul primo palo in occasione del primo corner della partita e batte Dragowski. I padroni di casa accusano il colpo e due minuti dopo concedono a Ikonè una percussione finalizzata con un tiro sul palo da Jovic. I liguri si scuotono e sfiorano il pareggio in altre due occasioni, prima con Nzola di testa (23') e poi con Agudelo in azione personale (33'). La porta ospite capitola poco dopo (35') quando Nzola può concludere a botta sicura dopo un rimpallo in area.
    Italiano presenta Duncan al posto di Amrabat (ammonito) nella ripresa e vara il doppio mediano con Mandragora, lasciando Bonaventura più alto. La Fiorentina guadagna in solidità e inizia a tenere il pallone con più facilità. Jovic ha due grandi occasioni, ma viene fermato da Kiwior (52') in area al momento del tiro a botta sicura, poi manca la porta di testa (57') da due passi. Holm chiede il cambio per un problema fisico e Gotti passa alla difesa a quattro. Il bisticcio del serbo della Fiorentina con la porta continua. Jovic calcia fuori (72') dal limite un buo servizio di Mandragora. Poi è di nuovo Terracciano a tremare, prima su una deviazione di Dodò (75') e su un tiro angolato di Strelec (76'). A dieci minuti dalla fine la svolta.
    Lo Spezia rimane in dieci per una brutta entrata di Nikolaou su Cabral, dopo che Massa, che inizialmente aveva sorvolato, viene richiamato all'on field review. I padroni di casa non rinunciano tuttavia ad attaccare e questo li tradisce. Il 2-1 finale arriva su contropiede lanciato da Biraghi e confezionato da Ikonè con una percussione sulla destra. Dragowski si oppone ad una prima conclusione di Saponara, ma il seguente tiro di Cabral passa tra le gambe di Kiwior.
    E se la Fiorentina ha motivo di far festa, lo Spezia deve cominciare a preoccuparsi: per la squadra di Gotti un solo punto nelle ultime cinque gare, solo tre punti sulla terzultima (la Samp a 6) e la prossima sfida è a San Siro con il Milan (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        MyWay Autostrade per l'Italia

        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie