Un Dna sintetico protegge opere d'arte

Nuova frontiera anticontraffazione, prova su tela Alessio-B

(ANSA) - MILANO, 15 NOV - Si chiama DNArt la tecnologia anticontraffazione a Dna sintetico sviluppata da Aries, lo spin-off dell'Università Ca' Foscari di Venezia, per proteggere le opere d'arte con un'impronta genetica unica e invisibile, indecifrabile da terzi e impossibile da replicare. La tecnologia è stata presentata in anteprima mondiale oggi alla fiera ArtePadova 2019, con una dimostrazione live di applicazione su un'opera: una tela dello street artist Alessio-B, il primo artista che vedrà la sua intera produzione marcata con l'innovativo sistema.
    DNArt si presta - è stato spiegato - ad essere utilizzata per rendere inequivocabilmente riconoscibili opere antiche e moderne, su tela, carta e legno. Sono invece in fase di sviluppo tecniche per rendere il sistema pienamente performante anche su altri materiali, tra cui vetro, ceramica, metallo e plastica.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano
      Aeroporto Malpensa