Morta di raschiamento,madre parte civile

In udienza Milano a carico 3 ginecologi. Attesi risarcimenti

(ANSA) - MILANO, 10 DIC - La madre e il compagno della vittima, quest'ultimo nell'interesse della figlia piccola, si sono costituiti parti civili questa mattina nell'udienza preliminare, davanti al gup di Milano Roberto Crepaldi, a carico di tre ginecologi dell'Humanitas, indagati per la morte per dissanguamento di una donna di 40 anni durante un intervento di raschiamento con perforazione dell'utero dopo un aborto spontaneo, nell'aprile dell'anno scorso. Il giudice ha rinviato l'udienza al 7 aprile prossimo per consentire ai medici di formalizzare proposte di risarcimento. I legali delle parti civili sono gli avvocati Marco Leanza e Cinzia Vitelli. A chiedere il rinvio a giudizio per i tre medici è stato il pm Mauro Clerici, titolare dell'inchiesta per omicidio colposo nata dalla denuncia del compagno della donna morta il 12 aprile 2018.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Camera di Commercio di Milano
      Camera di Commercio di Milano
      Aeroporto Malpensa