Grottammare,no a gioco pallone in piazze

Esclusi giochi bimbi con palloni inoffensivi e inidonei a danni

Niente pallone in piazza. Fa discutere l'ordinanza di Enrico Piergallini, sindaco del Comune di Grottammare (Ascoli Piceno), che ha vietato di giocare a pallone in piazza ma solo nelle piazze Fazzini, Carducci e Alighieri. "Un'ordinanza - osserva il Comune - a tutela dell'incolumità pubblica, che vieta il gioco del pallone e tutti quei giochi collettivi o individuali che, mediante lancio di oggetti, possono arrecare molestie, disturbo o mettere in pericolo l'incolumità delle persone o danneggiare monumenti, edifici o altri beni pubblici o privati". Esclusi dal divieto i giochi effettuati da bambini con l'uso di palloni che per peso e consistenza siano inoffensivi e inidonei a produrre danni a persone o cose, come spiega lo stesso primo cittadino: "Abbiamo ricevuto varie lamentale da esercenti e frequentatori delle piazze - spiega Piergallini - ma il problema va collocato nella giusta dimensione: non parliamo di bambini piccoli che giocano con i "supertele".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai alla rubrica: Pianeta Camere