Accordo Inrca-presidenza Cdm per Invecchiamento Attivo

Intesa triennale con Dipartimento Politiche Famiglia

Redazione ANSA ANCONA

L'Irccs Inrca ha sottoscritto un accordo triennale con il Dipartimento per le Politiche per la famiglia presso la presidenza del Consiglio dei Ministri. Tra gli scopi, consolidare un coordinamento partecipato a livello nazionale, tra i diversi attori istituzionali impegnati in materia di invecchiamento attivo e inclusione sociale delle persone anziane, nel quadro dell'attuazione e del monitoraggio della Strategia d'Implementazione del Piano di Azione Internazionale di Madrid sull'Invecchiamento (Mipaa), che tenga conto dell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Alla luce del trend demografico del Paese, l'Invecchiamento Attivo (IA) si configura come uno strumento utile per trasformare la sfida dell'invecchiamento in opportunità sia a livello individuale, attraverso il miglioramento della qualità della vita delle persone, sia collettivo, attraverso una maggiore coesione sociale. Tuttavia, il dibattito sull'invecchiamento attivo, relativamente recente in Italia, appare ancora piuttosto frammentato e marginale a livello nazionale. Il Coordinamento nazionale partecipato delle politiche e degli interventi di invecchiamento attivo coinvolge anche rappresentanti del Ministero del lavoro e dell'Istat. Oltre al proprio consolidamento, l'organismo mira a implementare una strategia comune, delle politiche e degli interventi sul territorio nazionale, e monitorare queste attività, anche a livello regionale, anche attraverso l'utilizzo dell'Active Ageing Index, in materia di invecchiamento attivo e inclusione sociale delle persone anziane; elaborare linee guida tese alla promozione di politiche, azioni e interventi su tutto il territorio nazionale a vari livelli, in materia di invecchiamento attivo e inclusione sociale delle persone anziane, rafforzando la solidarietà intergenerazionale, in armonia con i principi del Madrid International Plan of Action on Ageing (Mipaa; collaborare all'elaborazione del prossimo Rapporto per l'Italia sul quarto ciclo di monitoraggio e valutazione dell'attuazione del Mipaa, nel quadro dell'attuazione della Strategia d'implementazione del medesimo Piano a livello nazionale, attraverso azioni condivise e coordinate tra i soggetti pubblici e privati interessati.
    Al meeting di avvio del progetto, tenutosi a Roma, si sono discussi il piano d'intervento e le tempistiche al fine di promuovere un dibattito inter-istituzionale multilivello sui temi legati all'Invecchiamento Attivo. In quest'ottica, si è anche tenuto un evento di lancio del progetto nell'ambito del Forum P.a., con l'obiettivo di stimolare fin da subito l'interesse e la partecipazione attiva di tutti gli interlocutori istituzionali. Il team di progetto sta contattando diversi stakeholders a livello istituzionale nazionale, interregionale e della società civile per costruire e consolidare da subito una rete di referenti sul tema. La rete di referenti verrà riunita in plenaria a Roma nel mese di giugno, per la presentazione del progetto e delle sue attività.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in