Sostanze naturali contro ipertensione

Affianco a terapie farmaci, in equipe ricercatori Irccs Neuromed

(ANSA) - POZZILLI (ISERNIA), 21 FEB - Una miscela composta da tre estratti naturali potrebbe affiancarsi alle terapie farmacologiche contro l'ipertensione, migliorando la situazione cardiovascolare specie nei pazienti in cui la pressione arteriosa rimane non ben controllata. Sono le conclusioni di uno studio condotto dal Laboratorio di Fisiopatologia vascolare dell'Irccs Neuromed di Pozzilli in collaborazione con facoltà di Medicina dell'Università di Salerno, Università Federico II di Napoli, Irccs Multimedica di Milano e La Sapienza di Roma. Gli estratti utilizzati da questa formulazione nutraceutica provengono dalla pianta di Bacopa Monnieri, dalle foglie di Ginko biloba e dalle foglie di tè verde complessati con un fosfolipide naturale, la fosfatidilcolina. I ricercatori ne hanno studiato gli effetti su un gruppo di pazienti ipertesi, tutti sottoposti a terapie standard. La caratteristica principale dei pazienti selezionati era che, nonostante i trattamenti, la loro pressione arteriosa rimaneva ancora non ben controllata. "In una certa percentuale di pazienti - spiega il professor Carmine Vecchione, preside della facoltà di Medicina dell'Università di Salerno, direttore dell'unità complessa di Cardiologia dell'ospedale Ruggi D'Aragona di Salerno e responsabile del laboratorio di Fisiopatologia Vascolare presso l'Irccs Neuromed - il controllo della pressione, nonostante i trattamenti, rimane poco soddisfacente. Sappiamo che lo stato ipertensivo riduce la tolleranza all'esercizio fisico, un parametro che si sta sempre più affermando come valido indicatore della situazione cardiovascolare". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie