Responsabilità editoriale
Milano (MI)

Velasca

Calzature fatte a mano per tutte le tasche

Una spiaggia balinese potrebbe sembrare insolita come luogo di nascita per un brand italiano di scarpe di lusso. Tuttavia, è proprio qui che, nel 2012, a Enrico Casati e a Jacopo Sebastico è venuta l'idea di creare Velasca. Oggi le loro scarpe da uomo di alta qualità, realizzate esclusivamente in Italia, raggiungono 50 000 clienti a livello globale grazie all'aiuto di Facebook.

Le scarpe Velasca sono prodotte a Montegranaro, un paese delle Marche dove si realizzano scarpe per tradizione. Il loro modello di e-commerce, consolidato su Facebook dal 2013, connette direttamente gli artigiani locali con i consumatori di tutto il mondo: il denaro risparmiato dalla distribuzione viene investito nei materiali, rendendo così più economiche queste scarpe di lusso.

Enrico Casati - Velasca © Ansa

Una delle cose migliori di Facebook è che consente alle piccole aziende di assumersi un basso rischio per scoprire se i propri prodotti e servizi sono competitivi e richiesti in qualsiasi luogo del mondo.

Enrico Casati Cofondatore di VelascaMilano

Il brand lavora con un modello di business misto composto da e-commerce e punti vendita fisici e usa Facebook, Instagram e Messenger per connettersi con i clienti e costruire relazioni durature con la propria community fedele di follower attenti alla moda.

Dall'Italia al mondo

Velasca negozio

Enrico e Jacopo sono convinti che Velasca non potrebbe esistere senza Facebook: usando questa piattaforma per condividere diversi messaggi, concetti e contenuti visivi mercato per mercato, oggi il brand ha più di 50 000 clienti in Europa, Nord America e oltre.

Iniziare con il piede giusto

Facebook ha aiutato Velasca a realizzare il suo sogno: rendere economiche le scarpe di lusso. Se hai già in mente come competere con la concorrenza, segui subito uno dei nostri corsi di e-learning gratuiti di Blueprint e inizia a concretizzare la tua idea.

Per scoprire come puoi far crescere la tua attività con Facebook e Instagram, visita facebook.com/business


Responsabilità editoriale di Facebook