Prostituzione: Papa chiama donne liberate Comunità don Benzi

Videochiamata in udienza privata don Buonaiuto, ragazze incredule

    Stamattina Papa Francesco ha fatto una videochiamata, a sorpresa, alle donne liberate dalla prostituzione accolte presso una casa famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII, in provincia di Ancona. La videochiamata, riferisce don Aldo Buonaiuto, è stata effettuata nel corso di un'udienza privata presso il Palazzo Apostolico vaticano proprio con il sacerdote della Giovanni XXIII, da anni impegnato a favore delle ragazze schiavizzate dalla tratta e delle vittime delle sette e nominato dal pontefice "Missionario della Misericordia".

    "Le giovani sono donne - ricorda la Comunità Papa Giovanni XXIII - salvate dal racket della prostituzione e liberate dalle unità di strada della Comunità di don Benzi".

    "Le ragazze non potevano credere ai loro occhi - commenta don Buonaiuto -. Hanno ringraziato il Papa per la sua vicinanza e lo hanno invitato a casa. Ho portato in dono al Pontefice un'effige della Madonna dell'Umiltà di Gentile da Fabriano e le coroncine del Santo Rosario - aggiunge - fatte a mano dalle ospiti della casa rifugio con le quali il Santo Padre ha improvvisato una videochiamata". In uno dei Venerdì della Misericordia, il 12 Agosto 2016, ricorda, "Papa Francesco aveva incontrato le donne liberate dalla tratta della prostituzione accolte in una casa famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII a Roma".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie