Papa: viaggio Iraq, Acs ricostruirà asilo distrutto da Isis

Avviata una raccolta fondi dalla fondazione pontificia

(ANSA) - CITTA DEL VATICANO, 22 FEB - Papa Francesco dal 5 all'8 marzo sarà in Iraq e Aiuto alla Chiesa che Soffre lancia una raccolta fondi per ricostruire un asilo distrutto dall'Isis a Batnaya.
    La fondazione pontificia ha affrontato la complessa situazione irachena in un colloquio con don Karam N. Shamasha, parroco della Chiesa cattolica caldea di San Giorgio a Telskuf, nella Piana di Ninive. Secondo gli ultimi dati di Acs, "oltre il 45% delle famiglie originariamente residenti nella Piana di Ninive, e scacciate dagli estremisti islamici, è tornato a casa, grazie anche al grande sforzo di solidarietà profuso dalla comunità cattolica internazionale, a cominciare dai benefattori della stessa Acs". Il restante 55% dei cristiani della Piana di Ninive non è ancora rientrato. Di questi "parte è all'estero e non tornerà", commenta Don Shamasha, mentre la restante parte è composta da sfollati interni attualmente presenti nei villaggi vicini. Questi ultimi "torneranno quando saranno disponibili le opportunità di lavoro necessarie per avere una vita degna", sottolinea il sacerdote iracheno.
    Acs lancia un appello per il progetto a Batnaya. Nella cittadina sono rientrate circa 150 famiglie, cioè quasi il 16% di quelle residenti prima degli attacchi Isis. Per favorire il rientro delle famiglie bisogna ricostruire molte strutture e fra queste ci sono gli asili. Acs ha lanciato una campagna di raccolta fondi per ricostruire quello di Batnaya, affidato alle religiose di S. Caterina da Siena. L'asilo è stato costruito nel 2010 e prima dell'aggressione dell'Isis contava 124 iscritti. La struttura è stata bombardata e completamente distrutta.
    L'obiettivo è ricostruire una struttura di 450 mq su due piani destinata ad accogliere bambini in età prescolare.
    "La ricostruzione dell'asilo di Batnaya sarà un grande dono per la comunità cristiana locale, ma anche un modo per accompagnare Papa Francesco nel suo Viaggio apostolico in Iraq con uno specifico progetto, cioè con un atto organizzato di carità comunitaria", conclude la fondazione pontificia. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA




Modifica consenso Cookie