Marito Ceste assume un investigatore

Condannato a trent'anni, dal carcere uomo chiede riaprire caso

(ANSA) - ASTI, 11 GEN - La condanna a 30 anni di Michele Buoninconti, l'ex vigili del fuoco che sta scontando ad Alghero la pena definitiva per la morte della moglie Elena Ceste, è "un grave errore giudiziario". Ne è convinto Davide Cannella, della Falco Investigazioni, che su incarico dell'uomo e dei suoi famigliari da un mese e mezzo ha ripreso le indagini sul delitto.
    "Non c'è una sola prova che Elena sia stata assassinata: non lo dimostrano gli atti, nemmeno le perizie, non l'ha dimostrato nessuno, si è soltanto ipotizzato", sostiene l'investigatore.
    "In carcere con Michele abbiamo parlato del momento in cui la moglie è scomparsa, quella mattina in cui lui stava portando i figli a scuola, di quando è rientrato e ha trovato gli abiti della donna. Noi abbiamo una tesi diversa".
    Buoninconti si è sempre dichiarato innocente, nonostante la condanna di primo grado sia stata confermata in appello e Cassazione. Non è escluso che l'uomo chieda la revisione del processo.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
      Consiglio regionale del Piemonte

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie