Vino, nelle terre del Barolo risplende il bianco Nas-Cetta

Decennale doc Langhe Comune di Novello, 80 mila bottiglie anno

(ANSA) - TORINO, 08 LUG - Nelle terre del Barolo torna a splendere la Nas-Cetta, vino bianco semiaromatico di antiche origini, rilanciato ora da un'associazione di produttori a Novello, il Comune langarolo di un migliaio di abitanti a una ventina di chilometri da Alba. Il 2020 è l'anno del decennale della doc Langhe Nas-cetta del Comune di Novello ma le misure anti-Covid hanno fatto slittare la festa prevista, riprogrammata dall'11 al 13 giugno del 2021. Nel frattempo, i produttori hanno presentato i loro vini e i loro progetti in un webinar.
    La Nas-cetta è coltivata su 13 ettari, per una media di 80 mila bottiglie a vendemmia. I produttori iscritti all'associazione, nata nel 2014, sono 11. Per un terzo la produzione è concentrata a Novello, ma anche al di fuori del suo territorio l'identità del vino continua a essere strettamente collegata al paese. "E' lusinghiero - spiega Valter Fissore, presidente dell'Associazione Produttori della Nas-Cetta di Novello - vedere che oggi anche altre ottime aziende producono la Nas-Cetta fuori da Novello. E' la dimostrazione che, pur non essendosi mai diffuso molto, il nostro vitigno simbolo ha una forte personalità".
    Per il decennale della doc, è stata inaugurata la nuova Cantina Comunale di Novello, recentemente restaurata, dove sono in vendita i vini degli 11 produttori dell'associazione e le altre eccellenze agroalimentari del territorio. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie