A Torino si 'indagano' le performance di arte contemporanea

Progetto Festival Colline Torinesi e Fondazione Merz

(ANSA) - TORINO, 29 DIC - Uno studio su performance di arte contemporanea e spettacoli che escono dai luoghi tradizionali della rappresentazione per indagare territori artistici di confine tra i linguaggi espressivi, creando i presupposti per un'integrazione e favorendo il dialogo tra gli artisti. E' l'obiettivo di 'Confini/sconfinamenti', progetto del Festival delle Colline Torinesi e della Fondazione Merz i cui appuntamenti saranno calendarizzati nell'ambito della 23esima edizione del Festival e della programmazione della Fondazione.
    "La storia delle performance d'arte ha radici lontane nella storia del '900 - spiega la presidente della Fondazione, Beatrice Merz - e anche le generazioni più giovani non hanno tralasciato le indagini sui rapporti che intercorrono tra espressione, spazio e movimento. La Fondazione Merz, declinando il proprio ruolo di centrale energetica dell'arte, è proprio alle nuove generazioni di performer che guarda con attenzione".
    E per il Festival, raccontano i direttori, Sergio Ariotti e Isabella Lagattolla, "ci interessano i testi e i linguaggi scenici che indagano la contemporaneità, raramente così difficile da raccontare o rappresentare, e gli eventi performativi che sanno esprimere la stessa straordinaria sintesi dell'arte contemporanea o che sono essi stessi arte contemporanea". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030



        Modifica consenso Cookie