Imprese: Unioncamere E-R apre porte della Colombia alle pmi

Contatti tra aziende per potenziare produzione ortofrutticola

(ANSA) - BOLOGNA, 9 DIC - Più dell'80% delle imprese partecipanti ha allacciato contatti, relazioni e avviato trattative con aziende della Colombia. E' uno primo risultati del progetto, sviluppato e promosso da Unioncamere Emilia Romagna in collaborazione con il Sistema camerale regionale e il cofinanziamento dalla Regione, che ha aperto le porte del paese sudamericano a 12 realtà produttive emiliano-romagnole specializzate nel settore dei macchinari di trasformazione e lavorazione dei prodotti agricoli post raccolta. 'Colombia Attracciòn', avviato un anno fa, ha permesso alle aziende di scoprire le opportunità offerte dal Paese che, secondo il rapporto Fao, detiene l'80% dei territori agricoli coltivabili del pianeta e che ora, raggiunto un maggior equilibrio politico-economico, ha bisogno di fare un passo avanti nelle tecnologie per la produzione agricola e ortofrutticola. Dai dati, diffusi da Regione e Unioncamere, l'Emilia Romagna può contare già su un export forte verso la Colombia, con una quota pari al 37,1% per le macchine per l'agricoltura, dato relativo al primo semestre 2019 in crescita del 40% rispetto allo stesso periodo del 2018. Una mission esplorativa, incontri, visite in aziende colombiane e centri di smistamento di frutta e verdura e poi l'accoglienza in Italia per mostrare come opera la rete di imprese in Emilia Romagna. "Sono state le diverse fasi del progetto Colombia Attracciòn - ha commentato Claudio Pasini, segretario generale di Unioncamere Emilia Romagna - abbiamo aperto così una strada venendo incontro alle esigenze delle nostre imprese".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie