Coronavirus: CamCom Maremma Tirreno, questionari a imprese

Liquidità, calo domanda, occupazione tra i principali problemi

(ANSA) - LIVORNO, 10 APR - Un questionario per dialogare con le imprese. Questa l'iniziativa adottata dalla Camera di commercio Maremma Tirreno. Con il primo questionario, messo in linea dal 18 marzo fino al 30, la Camera di commercio ha voluto rilevare le criticità e le esigenze delle proprie imprese, nell'immediato impatto con l'emergenza. Hanno risposto 397 imprese distribuite nei sei Ato (Ambiti Territoriali Omogenei) che fanno capo alle province di Grosseto e Livorno. Un secondo questionario è dal 31 marzo compilabile sul sito, fino al 14 aprile: la tipologia di impresa e di attività è meglio individuata, lo può compilare anche chi ha risposto al primo perché uno degli scopi è quello di valutare nel tempo se e come sono cambiate criticità e proposte. Per rispondere bastano pochi minuti, la struttura dell'indagine è semplice, la partecipazione è anonima. "Con questa indagine abbiamo voluto rilevare direttamente dalle imprese le loro reali necessità - osserva il Presidente Cciaa Riccardo Breda - Come più volte sottolineato anche dalle associazioni di categoria, il problema più sentito è la mancanza di liquidità, ma preoccupa insieme il calo della domanda e la prospettiva occupazionale". Il presidente prosegue: "Ad oggi, preme sottolineare che l'ultimo Decreto tanto atteso dal mondo imprenditoriale non sembra soddisfare gli effettivi problemi di coloro che hanno attività economiche: penso soprattutto alla qualità del nostro tessuto economico locale, contraddistinto da piccole e piccolissime imprese. Resta quindi la necessità di dare loro respiro con misure che garantiscano in tempo reale una liquidità e permettano di ripartire". E infine: "Occorre anche pensare a un comparto cruciale per il nostro territorio come quello turistico, che risente in misura massiccia l'azzeramento delle presenze nella stagione che sta per aprirsi. Per questo settore vanno pensate iniziative di sostegno mirate. Bisogna inoltre valorizzare le nostre risorse, che comprendono un ampio territorio rurale, fruibile anche dal periodo di fine estate in poi". Da segnalare che buona parte delle risposte risale al periodo tra il 18 e il 20 marzo e quindi precede i numerosi provvedimenti emanati dal Governo.
    Sarà perciò la seconda rilevazione predisposta dalla Camera di commercio a precisare meglio le esigenze che emergono dal mondo delle imprese dei due territori, per dar loro voce negli ambiti regionali e nazionali e per meglio orientare l'azione a livello locale.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie