Cciaa: Firenze lancia Fidra,academy contratti internazionali

Oggi la conferenza inaugurale con 400 iscritti

(ANSA) - FIRENZE, 05 MAR - Quasi 400 gli iscritti alla conferenza inaugurale di Fidra (Florence international dispute resolution academy) che si è svolta oggi online. L'academy creata dalla Camera di commercio di Firenze con i propri organi operativi - Promofirenze, azienda speciale della Camera con lunga esperienza sui mercati esteri, e Fimc, la camera fiorentina per la mediazione internazionale - è il nuovo strumento offerto alle imprese ed ai professionisti che le assistono, per imparare a condurre al meglio i rapporti contrattuali con i partner commerciali internazionali e per gestire l'eventuale contenzioso, attraverso una modalità alternativa di risoluzione, ampiamente sperimentata in campo internazionale.
    Due i corsi in programma per il 22 e 23 marzo, spiega una nota, ed a cui è già possibile iscriversi: uno introduttivo sui contratti commerciali internazionali ed uno di tipo avanzato sul management dei contratti internazionali come strumento di crescita aziendale. Dopo i saluti del presidente della Camera di commercio Leonardo Bassilichi, del presidente nazionale Unioncamere Carlo Sangalli e dell'ambasciatore italiano in Olanda, Giorgio Novello, sono intervenuti Guido Alpa, ordinario di diritto civile a La Sapienza e i membri del comitato scientifico di Fidra: Michael McIlwrath, presidente del comitato globale della Camera di commercio internazionale di Parigi ed ex responsabile contenzioso BakerHughes; Attila Tanzi, ordinario di diritto internazionale presso l'Università di Bologna e membro della Corte permanente di arbitrato dell'Aja, e Mario Curia, imprenditore, presidente e amministratore delegato della casa editrice Mandragora. "E' una nuova opportunità - ha detto Bassilichi - che si aggiunge alla gamma di servizi offerti oggi dalla Camera di commercio di Firenze alle nostre imprese, che vanno dalla digitalizzazione all'internazionalizzazione, dall'arbitrato alla mediazione con i partner esteri. Un modo per rendere più attrattivo il nostro territorio agli investitori internazionali, in vista della ripresa economica". "Orgogliosi che questo importante strumento nasca a Firenze, nel solco della tradizione internazionale e mercantile che la città ha sempre avuto; dalla corretta gestione giuridica dei contratti passa la capacità di competere sui mercati internazionali", ha osservato Giuseppe Salvini, segretario generale della Cciaa fiorentina.
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie