COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale Pagine Sì! SpA

Bar e Gelaterie all'aperto per fronteggiare l'emergenza COVID

L’attuale situazione di bar e gelaterie nel contesto italiano

L'emergenza sanitaria del corona virus ha cambiato il nostro stile di vita minando molte abitudini, come quella di prendersi un semplice caffè o un gelato artigianale.

Le restrizioni successive al lockdown hanno messo in difficoltà il settore produttivo e specialmente il comparto ricettivo che ha subito perdite ingenti.

Uno studio della Confesercenti ha stimato perdite medie per 11,5 miliardi di fatturato complessivo. Il settore del Food and Beverage è un comparto che difficilmente può recuperare e compensare le perdite subite. Ogni imprenditore, ha visto svanire almeno il 30% del suo fatturato annuo, con perdite medie fino ai 55 mila euro.

La disastrosa situazione economica del comparto potrebbe subire, un’ulteriore deflazione nella fase due. Alcuni operatori potrebbero non riaprire: facendo un calcolo tra costi e benefici, possono trovare addirittura conveniente la definitiva sospensione dell'attività.

Il comparto, secondo Confesercenti, potrebbe vedere inficiata ogni altra possibilità di rilancio per il necessario distanziamento sociale che chi offre servizi ristorativi dovrà rispettare.

Considerando gli investimenti necessari per la sanificazione, associati alla riduzione dei coperti, i bilanci delle imprese sono a rischio.

Giancarlo Banchieri, Presidente della Fiepet Confesercenti, ha affermato che i costi di un'attività non sono garantiti se la stessa ridurrà i coperti del 50%.

Il comparto ricettivo ha dimostrato una grande sensibilità all'attuale e imprevista situazione e si rende conto che per poter essere concorrenziali, si devono organizzare nuove modalità di fruizione degli spazi e nell’erogazione dei servizi. Attualmente sono al vaglio una serie di proposte per far ripartire la somministrazione dei servizi, garantendo la salute di tutti e permettendo di conseguire ricavi alle aziende per sopravvivere.

Confesercenti, ritiene che attività come bar e gelaterie devono puntare alla somministrazione all’aperto di alimenti e bevande, oltre che all’asporto, garantendo la sicurezza degli utenti con un accesso scaglionato agli ambienti e incentivando la prenotazione telefonica e online.

Per garantire il distanziamento, i locali pubblici avranno bisogno di maggiori spazi e metrature al netto delle autorizzazioni. Il governo deve permettere di estendere l'attività anche all'aperto, senza pastoie burocratiche e costi aggiuntivi.

Somministrare caffè, cocktail e gelati all'aperto
L'emergenza COVID sta infliggendo duri colpi a bar e gelaterie sul territorio, ma la creatività delle aziende italiane risponde con idee alternative.

Oggi trattiamo il caso di Frigomeccanica srl, azienda produttrice di arredi e attrezzature nel comparto HoReCa che ha riunito una task force di architetti e ingegneri specializzati per realizzare un nuovo concetto di banco bar/gelateria mobile, in grado di superare le attuali problematiche relative al COVID. Il prodotto, denominato KART, può essere facilmente spostato e sanificato, consentendo ad attività come bar e gelaterie di trasferirsi in spazi aperti.


La struttura è autosufficiente per quanto riguarda l’alimentazione di lavabo e rubinetto, collegati a serbatoi di accumulo interni per acqua pulita ed acqua di scarico, gli elementi refrigeranti e l'illuminazione a led possono essere alimentati con tensione di rete o generatori di elettricità mobili.
Questo arredo da esterni può essere allestito con predisposizione per macchina caffè, con workstation per cocktail, con pozzetti per gelato a glicole o ventilati e con vetrine gelato di varia dimensione e capienza.  La struttura di base è in acciaio verniciato a polvere ed è “pallettizzata’’ prevedendo trasferimenti su mezzi con sollevatori traspallet o carrelli elevatori.
L'azienda produttrice ha pensato anche al periodo post COVID, progettando il sistema d'arredo mobile in modo tale da poter essere facilmente convertito in un normale arredo bar da interni, attraverso la rimozione di ruote e copertura.

Per informazioni sul prodotto:  Frigomeccanica KART

 

Video Economia



Vai al sito: Who's Who

Modifica consenso Cookie