COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale IMG SOLUTION SRL

Umidità: come risolvere definitivamente il problema della risalita capillare

IMG SOLUTION SRL

L’umidità di risalita capillare è un problema molto diffuso e che causa danni agli edifici. Alla base vi è il fenomeno fisico della capillarità, che va a interessante i materiali utilizzati in edilizia e messi al contatto con il suolo.

Secondo quanto diffuso dall’Istat (bollettino 2017), circa il 25% delle abitazioni italiane soffre di problemi di umidità. Un dato che risulta essere più o meno stabile rispetto a quello diffuso negli anni precedenti ma che, allo stesso tempo, rende bene l’idea di quanto questo sia un problema diffuso.

Le acque presenti nel sottosuolo e a contatto con i materiali edili risalgono per capillarità e vanno ad infiltrare le strutture. La risalita è inversamente proporzionale alla sezione del capillare, il che significa che più è piccolo il capillare più sarà maggiore l’altezza raggiunta dall’acqua. Questa proporzionalità inversa è ciò che differenzia il fenomeno della capillarità da quello dei vasi comunicanti, in cui l’acqua raggiunge un’altezza analoga indipendentemente dal diametro dei singoli vasi.

Diagnostica: come si svolge e perché è importante

Effettuare degli esami diagnostici è fondamentale per comprendere come eliminare, nello specifico, il problema dell’umidità di risalita. Oggi, le aziende specializzate hanno a disposizione degli strumenti complessi e all’avanguardia che permettono di effettuare delle analisi precise e accurate.

Attraverso il prelievo di campioni e all’analisi chimiche con i metodi più moderni, è possibile determinare con esattezza l’entità del problema e intervenire in maniera capillare evitando inutile spreco di tempo e denaro.

Umidità di risalita: quando può verificarsi?

Sono diverse le situazioni in cui si può avere il problema dell’umidità di risalita. Nella maggior parte dei casi, questo tipo di umidità si presenta nelle abitazioni al piano terra non adeguatamente ventilate, ma anche nelle case che si collocano al piano interrato e che sono senza scannafosso e nelle case che non sono rialzate rispetto al suolo.

In tutti questi casi, ma anche in abitazioni di altro tipo che presentano lo stesso problema, si può intervenire con delle soluzioni specifiche contro l’umidità capillare di risalita, messe a punto da esperti del settore: Resmarc, per esempio, è la società specializzata nell’offrire ai clienti rimedi definitivi contro l’umidità.

Il fenomeno della risalita è condizionato anche dalle caratteristiche dei materiali edili. Ci sono infatti alcuni materiali – si pensi ad esempio alla pietra, al calcestruzzo ed al laterizio – che possono essere definiti “porosi”. La porosità dei materiali è una caratteristica che rende possibile la risalita dell’acqua del sottosuolo per capillarità e che dunque deve essere presa in esame quando si progettano degli interventi per risolvere il problema.

Come eliminare definitivamente l’umidità di risalita con l’inversione di polarità

Per risolvere definitivamente l’umidità di risalita la società Resmarc ha deciso di offrire ai suoi clienti una soluzione innovativa. L’intervento degli esperti dell’azienda si basa sull’inversione della polarità, che può essere considerata a tutti gli effetti la soluzione naturale per risolvere una volta per tutte il problema e per non rischiare di doversi trovare a fare ancora i conti con la risalita capillare.

L’approccio della società parte dall’individuazione delle tre cause della risalita capillare: l’acqua presente nel muro, i sali minerali e il potenziale elettrico. L’intervento tecnico professionale non può agire né sull’acqua già presente nel muro, né sui sali minerali, ecco perché Resmarc si concentra sul potenziale elettrico, sfruttando l’inversione della polarità per risolvere il problema.

Con l’inversione del potenziale si va a rimuovere uno degli elementi necessari alla risalita capillare. In questo modo, la risalita dell’acqua sarà bloccata – il liquido presente nei muri si ridurrà progressivamente, fino ad ottenere delle pareti completamente asciutte nel giro di dodici mesi – e i sali minerali presenti nel muro saranno resi inattivi.

Inversione della polarità: Resmarc propone STOP-RISE

Per ottenere l’inversione della polarità, la società ha progettato l’innovativo dispositivo STOP-RISE, apparecchio che viene venduto con una garanzia di 30 anni e che assicura dei risultati definitivi. Ciò è reso possibile dalla scelta di agire su una delle cause della risalita capillare: invertendo la polarità, la risalita non sarà più possibile, come è stato anche dimostrato da studi scientifici.

La società è guidata da Carlo Magnini, amministratore della Resmarc e grande esperto del settore. L’amministratore della società si è specializzato in questo ambito ed è oggi alla guida di un’azienda che propone ai clienti la soluzione definitiva contro l’umidità di risalita capillare. I muri risulteranno asciutti in dodici mesi, tempo necessario per avere l’evaporazione di tutta l’acqua che era già risalita per capillarità andando a infiltrare le pareti.

Archiviato in


Modifica consenso Cookie