• CRV - Presentato progetto fusione comuni Isola Rizza/S. Pietro di Morubio (VR): verso Borgo Veronese
COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale CONSIGLIO REGIONALE VENETO

CRV - Presentato progetto fusione comuni Isola Rizza/S. Pietro di Morubio (VR): verso Borgo Veronese

Oggi, nella Prima Commissione del Consiglio regionale del Veneto

CONSIGLIO REGIONALE VENETO

Prima Commissione - Incardinato il Pdl sulla fusione di Isola Rizza e San Pietro di Morubio e l'istituzione del nuovo comune di Borgo Veronese

(Arv) Venezia 1 apr. 2020 - Nel corso della seduta odierna della Prima commissione permanente del Consiglio regionale del Veneto presieduta da Alessandro Montagnoli (Lega Nord), Vicepresidente Claudio Sinigaglia (Partito Democratico), e riunita in streaming, è stato illustrato il Disegno di legge n. 499, di iniziativa della Giunta regionale, relativo all’istituzione del nuovo Comune denominato ‘Borgo Veronese’ mediante fusione dei Comuni di Isola Rizza e San Pietro di Morubio. I due sindaci hanno partecipato alla seduta in collegamento telematico e hanno presentato ai Commissari il progetto di fusione che interesserà due piccoli Comuni territorialmente contigui che appartengono a un tessuto socio economico, culturale ed infrastrutturale omogeneo: il nuovo Ente che potrebbe nascere dalla fusione avrebbe circa 6.200 abitanti. L’iter formale di fusione proseguirà nel corso delle prossime sedute della Commissione ed è destinato a sfociare nel referendum consultivo della popolazione interessata, ai sensi della legge regionale 24 dicembre 1992, n. 25 “Norme in materia di variazioni provinciali e comunali”, come da ultimo modificata con la legge regionale 30 gennaio 2020, n. 3.

Di seguito, la Commissione ha dato il proprio via libera, all’unanimità, al parere sul Disegno di legge n. 496, di iniziativa della Giunta regionale, relativo a: “Ratifica dell'Intesa interregionale tra le Regioni Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto e Piemonte per l'esercizio delle funzioni amministrative regionali in materia di navigazione interna interregionale sul fiume Po e Idrovie collegate. Abrogazione della legge regionale 27 giugno 1997, n. 23”, che può così tornare nella Seconda commissione consiliare ove si trova incardinata, nonché alle proposte di candidatura in ordine alla nomina di cinque componenti del Consiglio d’indirizzo e verifica dell’Istituto Oncologico Veneto, e alla sostituzione di un componente deceduto della Commissione provinciale per la determinazione delle indennità di espropriazione Provincia di Verona, Sezione Urbanistica e Edilizia.

Archiviato in


Modifica consenso Cookie